Spazio e comfort extra, la SsangYong XLV punta alle famiglie

Più lunga della Tivoli di 24 cm, si apprezza nell'uso turistico

di Damiano Bolognini Cobianchi

CASTAGNETO CARDUCCI (LIVORNO) - La SsangYong Tivoli si allunga per offrire più centimetri per passeggeri e bagagli e diventa XLV. Acronimo di eXtra Lifestyle Vehicle, il nome scelto per il nuovo modello coreano sottolinea le qualità aggiuntive proprio rispetto alla più compatta crossover da cui deriva e con cui condivide pianale e meccanica. Stesso passo di 2,6 metri, più lunga di 23,8 cm, la XLV offre spazio, comfort e capacità di carico ''extra'' rispetto alla Tivoli: ben 297 litri in più per il bagagliaio, per un totale di 720 litri (fino al tetto), in configurazione a 5 posti che diventano 1.440 ripiegando le due parti dello schienale del divano. Per il resto i contenuti sono gli stessi di sostanza della vettura che richiama la splendida località romana, impacchettati con lo stesso design accattivante nel frontale, e con varianti un po' meno aggraziate al posteriore. Al lancio nel nostro Paese al prossimo Salone Parco Valentino di Torino (8-12 giugno), la XLV viene proposta con motori 1.6 alimentati a benzina, a gpl e a gasolio, per potenze tra i 115 e i 128 Cv. Disponibile sia a 2 sia a 4 ruote motrici, per il periodo di lancio viene proposta con una promozione di 2.000 euro, cifra da scontare alla forbice di prezzi ufficiale che va dai 18.450 euro della 1.6 e-XGi 2WD Start ai 30.350 euro della gasolio 1.6 e-XDi AWD automatica Limited con carrozzeria bicolore. L'abitacolo spazioso è uno dei principali atout del nuovo modello: comodo anche per cinque adulti, appare accogliente e ben equipaggiato. In particolare, la versione top di gamma Limited offre di serie dotazioni da vettura di alto livello come i sedili in pelle riscaldabili anche al posteriore, il navigatore satellitare, i sensori di parcheggio anteriori e posteriori, il tetto apribile e i fari allo xeno.

Alla guida proprio di una Limited, con motore Diesel da 115 Cv, trazione anteriore e cambio automatico (27.600 euro), si apprezzano le qualità ''turistiche'' della vettura, che è dotata di un impianto di climatizzazione molto efficiente anche se un po' rumoroso. Il cambio automatico Aisin a 6 rapporti è la scelta da consigliare per esaltare le doti di comfort della macchina: non è rapidissimo ma è molto dolce nei passaggi di marcia. Se si ha fretta, meglio optare per il suo utilizzo manuale, usando la pratica levetta posta sul pomello della leva per selezionare i rapporti più adatti. In questo modo, impostata la servoassistenza dello sterzo su ''sport'', si riesce a sfruttare a dovere la coppia del motore (300 Nm massimi da 1.500 a 2.500 giri) e a far scalare con brio le salite al crossover coreano, anche se la mole del veicolo e la tendenza del retrotreno ad allargarsi nelle manovre di improvviso rilascio del gas in curva sconsigliano di esagerare. Posteriore che prevede delle sospensioni a ruote interconnesse per le 2WD e delle più sofisticate multilink per le 4WD. Con il Diesel la XLV macina chilometri senza affaticare né guidatore né passeggeri, anche in autostrada: ai 130 km/h da Codice il motore in sesta staziona a soli 2.200 giri, si avverte appena, coperto dai fruscii aerodinamici e dal rotolamento degli pneumatici. Insomma, nel complesso si tratta di un interessante veicolo per famiglie dal buon rapporto contenuti/prezzo che con la carrozzeria bicolore (il tetto può essere scelto nero o bianco), ha anche un certo appeal.

Per Luca Ronconi, amministratore delegato del Gruppo Koelliker e di SsangYong Motor Italia, la XLV rappresenta il secondo passo della strategia di espansione della Casa coreana, come ha chiarito nel corso della presentazione del modello alla stampa: ''Con Tivoli - ha detto - è iniziato un nuovo corso, un modello che ci ha permesso anche di conquistare i giovani e di aumentare nel 2015 del 54% le vendite della marca. Nei primi quattro mesi del 2016 - ha chiarito Ronconi - abbiamo aumentato i volumi di due volte e mezzo sullo stesso periodo dello scorso anno, ora viaggiamo sui 300 veicoli al mese. Con il contributo della XLV ci aspettiamo un traguardo di almeno 400 auto al mese e per il futuro prevediamo ulteriori crescite. Con l'arrivo, infatti, di un nuovo modello all'anno per i prossimi sei anni i numeri aumenteranno di certo''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: