Pininfarina si consolida in Cina, nuova sede a Shenzhen

Dal 1996 fornisce servizi design a case auto cinesi

Redazione ANSA TORINO

Pininfarina consolida la presenza sul mercato cinese dove prevede un'ulteriore espansione. Per questo la filiale Pininfarina Shanghai ha aperto una nuova sede a Shenzhen con "l'obiettivo di diventare leader nell'area e supportare i clienti in settori specifici come quello del furniture, degli elettrodomestici e della sanità". La filiale cinese del Gruppo Pininfarina, focalizzata sui servizi di design, ha recentemente ampliato il proprio business sotto la guida del direttore generale Simone Tassi, registrando un significativo aumento del numero di clienti e dipendenti.
    Shenzhen, simbolo del miracolo economico cinese, con una crescita media annua del 20,7% negli ultimi quattro decenni, è considerata il "motore" della Greater Bay Area di Guangdong-Hong Kong-Macao con la missione di trasformarla in una delle regioni più sviluppate del mondo.
    Pininfarina è stata la prima società italiana a fornire servizi di design alle case automobilistiche cinesi a partire dal 1996. Nel 2010 è stata costituita Pininfarina Shanghai con l'obiettivo di localizzare un centro di design a Shanghai, sito automobilistico strategico per l'area asiatica. Oggi Pininfarina Shanghai è uno studio di design in grado di offrire al mercato cinese una gamma di servizi di design a 360 gradi, dall'automotive all'architettura e al design industriale. Da ottobre 2018 ha avviato la sua attività nel settore dell'Industrial Design sotto la guida di Antony Margiasso, proveniente dal quartier generale di Cambiano con una lunga esperienza in diverse tipologie di progetti strategici. Il dipartimento di Industrial Design ha iniziato a lavorare per i più importanti marchi cinesi come Hisense, Haier, Lenovo, Supor, Angel, supportando le aziende non solo per il mercato interno, ma aiutandole a diventare più competitive al di fuori della Cina.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie