Fiat Panda Hybrid City Cross, ora anche alimentata a metano

Kit Ecomotive Solutions e Autogas Italia abbassa consumi e CO2

Redazione ANSA ROMA

Fra le tante soluzioni tecnologiche idonee ad ottenere facilmente una sensibile riduzione delle emissioni di CO2 e, naturalmente, anche dei consumi vi è la combinazione - ancora piuttosto rara - fra un motore termico con sistema Mild Hybrid e l'alimentazione a metano. Una lacuna che viene ora colmata dalla trasformazione dalla nuova Fiat Panda Hybrid City Cross realizzata da Ecomotive Solutions e Autogas Italia - Gruppo Holdim - che installando un kit di alimentazione a metano hanno reso ancor più 'green' la già parsimoniosa city car di FCA. Nella versione di serie Panda Hybrid City Cross utilizza un motore benzina 3 cilindri 1.0 da 69 Cv a cui si aggiunge l'effetto MHEV assicurato da un moto-generatore elettrico da 3,6 Kw (corrispondenti a 5 Cv) collegato ad una piccola batteria che è alloggiata sotto il sedile del conducente. Questo accumulatore si ricarica durante i rallentamenti e al di sotto dei 30 km/h permette di avanzare brevemente con il motore termico spento in funzionamento 100% elettrico. Il kit di conversione metano di Autogas Italia non modifica assolutamente lo schema Mild Hybrid di Panda, ma attraverso un appropriato dispositivo elettronico interagisce - via sistema OBD - con la centralina del veicolo al fine di mantenere una corretta carburazione. La commutazione da benzina a metano può essere gestita autonomamente dal sistema elettronico oppure manualmente tramite un selettore posto sul cruscotto. Questo comando permette anche di avere l'informazione sul livello di metano residuo presente nei serbatoi. A richiesta è disponibile anche una nuova versione del commutatore che permette di visualizzare su un display le informazioni sul funzionamento del sistema. La trasformazione a metano di Panda Hybrid City Cross firmata da Ecomotive Solutione e Autogas Italia viene completata con l'installazione due serbatoi (diametro 203) da 24 litri ognuno collocati sotto il piano di carico - nella posizione della ruota di scorta - e protetti da un pianale, per avere a disposizione un soddisfacente volume di carico in rapporto alla situazione originale. La carica dei due serbatoi variare da 7 a 7,7 kg di metano a seconda della tipologia di distributore che rifornisce) e consente unautonomia variabile dai 260 ai 300 km, da sommare a quella del serbatoio della benzina. Un primo test su strada della city car Fiat così modificata ha permesso di valutare le prestazioni e i consumi sia a benzina che con il metano. Il tracciato con 46% autostrada, 44% extraurbano e 10% cittadino - tra le provincie di Alessandria e Asti - ha toccato dislivelli variabili da 116 a 305 metri sul livello del mare. Al termine sono stati evidenziati un consumo reale di benzina pari a 5,35 litri ogni 100 km (18,7 km/litro) con una spesa di circa 7,4 euro ogni 100 km. Mentre con la sola alimentazione a metano il consumo è stato invece di 2,72 kg ogni 100 km (37 km/kg) corrispondente ad una spesa di 2,68 euro ogni 100 km. Per i calcoli Ecomotive Solutions e Autogas Italia hanno fatto riferimento a prezzi di 1,385 euro al litro per la benzina e di 0,985 euro al kg per il metano. In attesa dei risultati dei test ufficiali realizzati secondo gli standard RDE, da una comparazione dei consumi dichiarati dalle aziende per questo test su strada è possibile valutare indicativamente una riduzione delle emissioni di CO2 superiore al 40%. Gia omologato, il kit metano per Fiat Panda Hybrid City Cross viene proposto a partire da 1.800 euro, collaudo compreso.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie