Fiat Centoventi, elettrica 'accessibile' prefigura la nuova citycar

E' lunga 3,68 metri. E il display in coda si può affittare

Redazione ANSA GINEVRA

Da 120 anni Fiat innova nel mondo dell'automobile proponendo veicoli e soluzioni tecniche capaci di influenzare lo sviluppo dell'industria del settore e di cambiare le abitudini e i costumi di intere generazioni di automobilisti. Vetture che per i loro contenuti sono finite anche nei musei di arte contemporanea. E' in questo solco che la Casa torinese guarda al futuro, proponendo al Salone di Ginevra in premiere mondiale il concept Centoventi. Lunga 3,68 metri, quanto l'attuale Panda, è una macchina che abbina soluzioni furbe a novità tecnologiche avanzate in grado di rivoluzionare il concetto stesso di mobilità urbana.



'Una tela bianca pronta per essere dipinta secondo i gusti e le esigenze del cliente in un qualsiasi periodo della sua vita o della giornata, senza alcun vincolo di personalizzazione legato allo specifico momento dell'acquisto'.Con questa definizione - insolita e fortemente innovativa nel panorama mondiale dell'automotive - FCA ha presentato al Salone di Ginevra Fiat Concept Centoventi, modello elettrico completamente inedito che esprime perfettamente la vision del marchio italiano sulla mobilità individuale nel prossimo futuro. Fiat Concept Centoventi - è sempre FCA a descriverla così - è 'una previsione autorevole e democratica, nata da 120 anni di storia ed esperienza sul campo che saprà, come da tradizione, staccarsi dal coro per andare oltre'. Il riferimento riporta immediatamente alla memoria quanto accadde negli Anni '50 e '60 quando Fiat 600 prima e Fiat 500 rappresentarono una rivoluzione industriale e culturale, capace di superare le tradizionali categorie di estetica, design e ingegneria, per diventare un capolavoro unico nella storia dell'industria automobilistica e primo vero esempio di mobilità accessibile alle masse.



Fiat Concept Centoventi - quando andrà in produzione - sarà la soluzione di mobilità elettrica più accessibile sul mercato e tra le poche capaci di assicurare anche un significativo pieno di autonomia (si parla di 500 km) aggiungendo moduli batteria a quello di base da 100 km per affrontare viaggi lunghi fuori città. Per idearla e svilupparla, il marchio ha rivolto il proprio sguardo verso il suo lato più pop, accessibile e ingegnoso, quello che le ha permesso di creare vetture caratterizzate dalla grande modularità degli interni e dalla spiccata personalità stilistica. L'auto, che riprende i concetti di pratica semplicità della prima Panda, incarna il concetto less is more di Fiat che significa eliminare tutto ciò che di ridondante e complesso c'è in un'auto, per lasciare più spazio alla persona (More You), alla cura dell'ambiente e della comunità (More Care) e al DNA del marchio in termini di valori e stilemi (More Fiat).

 

Sarà infatti prodotta in una sola livrea che, attraverso il programma 4U, potrà essere personalizzata scegliendo tra 4 tettucci, 4 paraurti, 4 copriruota e 4 pellicole esterne. Alla stregua dei moderni device, Centoventi sarà aggiornabile - come avviene con l'arredamento Ikea - con la massima libertà e fantasia nei colori, nella configurazione degli interni, nella configurazione del tetto, nel sistema di infotainment e perfino nel range di autonomia garantito dalle batterie. È proprio questo uno dei punti di forza del concept: non dover più attendere nuove serie speciali o facelift, ma sapere che ogni giorno è quello giusto per 'cambiare' la propria vettura. Il tutto reso ancora più rivoluzionario dalla presenza al lancio di 120 accessori aggiuntivi che daranno vita ad un vero e proprio nuovo modello di business, oltre ad una community di fan della Fiat Concept Centoventi. E proporrà, attraverso il grande display nel portellone posteriore, anche la prima opportunità di 'affittare' questo spazio ("una sorta di Airbnb del settore auto" ha detto Olivier Francois, capo della marca Fiat a livello globale) per messaggi pubblicitari, semplicemente utilizzando una App da scaricare sullo smartphone collegato all'auto.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie