Coronavirus, in Cile stop estrazioni litio per batterie

SQM ha ridotto spedizioni da deserto Atacama di 2mila tonnellate

Redazione ANSA ROMA

La diffusione del coronavirus in Cile sta penalizzando, fra le molte attività, anche l'estrazione di Litio, elemento base per la fabbricazione delle batterie, portando - come ha dichiarato la Sociedad Química y Minera de Chile (SQM) alle autorità finanziarie del Paese - ad una riduzione di circa 2.000 tonnellate di Litio delle consegne alla Cina. L'estrazione avviene nelle miniere della SQM nel deserto cileno di Atacama.

Con 238 casi accertati ad oggi, il Governo della nazione sudamericana . che è anche il principale produttore mondiale di rame - ha chiuso i confini del Paese e ha proibito assembramenti di persone. "Abbiamo adottato misure per mitigare gli impatti di questa emergenza sanitaria sui nostri dipendenti - ha dichiarato SQM - ma anche a limitare l'impatto che potrebbe avere sulle nostre operazioni".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie