Il Salone dell'auto di Francoforte lascia la città

A contendersi la fiera dell'auto tedesca a partire dal 2021 saranno Berlino, Amburgo o Monaco

Redazione ANSA

Non si terrà più a Francoforte il Salone internazionale dell'automobile ospitata dal 1951 dalla città sul Meno. Lo ha deciso il consiglio di amministrazione del Vda, l'associazione dell'automobile tedesca.

A contendersi la prestigiosa fiera dell'auto tedesca a partire dal 2021 saranno Berlino, Amburgo o Monaco e la decisione finale sulla nuova sede sarà presa a marzo prossimo. Negli ultimi anni la fiera di Francoforte aveva registrato una diminuzione dei visitatori: 550.000 nel 2019 contro gli 800-900.000 degli anni precedenti. Insieme con le fiere di Parigi, Ginevra, Detroit e Shanghai, quella di Francoforte è tra le più importanti del settore.

La federazione Vda ha ringraziato la città - che è anche la capitale finanziaria della Germania e sede della Banca centrale europea - per il suo "lungo, eccellente e fiducioso partenariato". Tuttavia, gli osservatori hanno affermato che la decisione non è stata una sorpresa completa poiché l'ultimo IAA nel 2019 è stato guastato dall'assenza di un numero di importanti case automobilistiche internazionali e da un forte calo del numero di visitatori.

L'IAA si tiene ogni due anni, alternandosi a un salone automobilistico a Parigi. E come gli eventi a Ginevra e Detroit, gli organizzatori hanno trovato sempre più difficile attrarre gli espositori.

Gli spettacoli automobilistici sono molto costosi e i produttori sono sempre più a rischio, in particolare in un momento in cui devono investire enormi quantità nello sviluppo di veicoli elettrici e altri modi futuri di trasporto futuro. La VDA ha comunque salutato "un grande interesse per la nuova IAA" e ha affermato che la competizione per essere la prossima città ospitante sarà "una gara molto serrata".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie