Campania: consegnati primi 150 bus nuovi a aziende trasporto

De Luca: saranno 1000 in 2020

Redazione ANSA NAPOLI

"Consegniamo stamattina 150 autobus nuovi acquistati dalla Regione Campania, che daremo in gestione alle aziende di trasporto pubblico su tutto il territorio regionale, da Eav ad Air a Busitalia e altre aziende soprattutto del territorio napoletano, in modo particolare a Ctp". Così il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca presentando alla Stazione Marittima di Napoli la prima tranche della fornitura dei nuovi autobus. I veicoli sono stati prodotti da Industria Italiana Autobus, Socom e Iveco e fanno parte "dell'acquisto di mille bus - ha spiegato il presidente della Commissione trasporti della Regione Luca Cascone - per 230 milioni di investimento. Si tratta anche di bus attenti all'ambiente come dimostrano i 35 mezzi a metano che presentiamo oggi". Tra i bus anche 35 'pollicini' che trasportano 45 persone ognuno e hanno emissioni di co2 bassissime. "Cercheremo - ha aggiunto De Luca - di fare un passo avanti nella qualità del trasporto pubblico locale: 200 li consegniamo entro gennaio, altri 200 in primavera, e per altri 500 siamo già in gara per la loro realizzazione. Uno sforzo gigantesco che farà della Campania la Regione con il parco mezzi più moderno d'Italia. Poi lavoriamo sul trasporto su ferro. Per il trasporto pubblico gestito da Trenitalia abbiamo una situazione eccellente visto che abbiamo consegnato i primi treni jazz e ne arriveranno altri, i treni rock, di alta qualità. Abbiamo ancora una situazione di sofferenza su Eav perché da 35 anni non si acquistava un treno nuovo". De Luca ha sottolineato anche le commesse per le industrie che costruiscono i mezzi: "Ci sono fabbriche - ha detto - come l'Azienda Italiana Autobus che avrebbero chiuso i battenti se non ci fosse stato questo investimento della Regione. Così come per Firema a Caserta avremo avuto difficoltà senza la messa in produzione di treni da parte di Eav e Regione. È un motivo doppio di soddisfazione, quindi, perché miglioriamo la qualità del servizio ai cittadini ma contemporaneamente diamo lavoro alle nostre fabbriche che senza investimenti avrebbero chiuso i battenti". Eav - rende noto il presidente Vincenzo De Gregorio - avrà' assegnati, a regime, entro 12-18 mesi, 132 autobus. I primi 19 sono già stati consegnati. Si tratta degli autobus tipo urbano 10,5 metri, 2 porte. Verranno così dislocati: 5 a Napoli, 5 ad Ischia, 9 in alte zone. Gli autobus saranno utilizzati dal 10 gennaio, "dopo il corso a tutti i dipendenti. Tra gennaio e febbraio aspettiamo la consegna di altri 18 autobus, del tipo Urbano 7,5 metri. Eav contribuisce al costo con il 30 per cento. Entro gennaio assumiamo anche i primi 45 autisti a tempo indeterminato".


In Campania 942 bus nuovi con clima e vigilanza
Sono esattamente 942 i nuovi autobus per il servizio di trasporto pubblico che la Regione sta acquistando con un investimento complessivo di 233 milioni di euro. I bus verranno consegnati in diversi lotti alle 35 aziende che gestiscono il servizio nelle varie province e aree della Regione. I primi lotti prevedono un pacchetto di 277 autobus secondo l'accordo quadro firmato da Acamir (Agenzia Campana per la Mobilità, le Infrastrutture e le Reti): i primi 50 bus sono stati già consegnati a giugno 2019 e 116 sono stati consegnati oggi. Il programma prosegue nel prossimo anno: nei primi mesi del 2020, informa la Regione Campania, arriveranno altri 40 bus nuovi a cui se ne aggiungeranno 71 entro la primavera 2020. I primi 156 bus già consegnati sono stati realizzati da IVECO, Industria Italiana Autobus, Socom Nuova. Il lotto di 116 mezzi consegnati oggi è composto da 35 autobus interurbani da 12 metri, 50 bus urbani da 10 metri, 31 mezzi urbani. I modelli interurbani sono dei Crossway Line NF a gasolio, con 53 posti a sedere, 24 posti in piedi, 77 posti passeggeri totali (inclusa la postazione per la sedia a rotelle), hanno il bagagliaio e la climatizzazione estiva e invernale, mentre il posto guida è munito di cabina di protezione e di pulsante di allarme. I bus urbani più piccoli, i cosiddetti 'pollicini' di nuova generazione, sono dei Mobi 7 Daily, a gasolio, con 8 posti a sedere e 32 in piedi. Anch'essi hanno la climatizzazione e il posto guida protetto. I bus urbani più grandi sono dei Citymood a gasolio, con pianale interamente ribassato, 21 posti a sedere e 63 in piedi, dotati di climatizzazione posto guida protetto. I bus sono predisposti per l'istallazione di apparati elettronici per l'ITS (Intelligent Transport System), come ad esempio: sistemi di telecamere per la videosorveglianza, sistema di comunicazione vocale conducente-deposito aziendale, altoparlanti interni per la diffusione di informazioni all'utenza e monitor da 19 pollici oltre al pannello a LED a messaggio variabile per l'indicazione del percorso. I bus sono anche predisposti per essere equipaggiati con un sistema di comunicazione dati con la Centrale Regionale di controllo e la localizzazione GPS, oltre che per il conta passeggeri in corrispondenza delle porte e le obliteratrici multifunzione di ultima generazione.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie