Restaurata una Citroen Visa Chrono, ora torna a correre

E' l'esemplare 102 dei 400 venduti in Italia

Redazione ANSA ROMA

ROMA - Nata per correre sulle strade, utilizzata spesso anche in pista, la piccola ma grintosa Citroën Visa Chrono numero 102 è tornata a nuova vita grazie al restauro fatto effettuare dalla Filiale italiana del Double Chevron. L'auto, esemplare, appunto, numero 102 dei 400 venduti a suo tempo nel Belpaese, è entrata nella scuderia dell'ufficio comunicazione della Casa francese e sarà messa a disposizione dei giornalisti italiani per prove e test.

Compatta, sportiva ma accessibile economicamente, negli anni Ottanta la Visa Chrono era uno dei punti di riferimento per i giovani che volevano distinguersi, amavano la guida veloce e magari volevano provare a iniziare a gareggiare. Ispirata alla Visa Trophée, la "Gruppo B" costruita da Citroën in 200 esemplari per partecipare ai rally internazionali FIA, la Chrono fu presentata il 24 marzo 1982 come serie speciale di soli 1.000 esemplari riservati esclusivamente al mercato francese. Dalla "sorella" racing, la Chrono riprendeva la grinta estetica.

L'esterno, di chiara impronta sportiva, era caratterizzato dalla colorazione bianca "Meije", utilizzata sia per la carrozzeria sia per i cerchi in lega leggera, e dalle strisce tricolori, omaggio alla bandiera francese. Immancabili i fendinebbia.

Nell'abitacolo da apprezzare i sedili profilati e la strumentazione di ispirazione corsaiola. Il motore era un quattro cilindri di 1.360 cc da 93 Cv, il cambio un cinque marce manuale. Grazie ai soli 850 kg di peso poteva accelerare da 0 a 100 km/h in 10 secondi e raggiungere i 173 km/h di velocità massima.

Sulla scorta del successo di vendite della prima serie, Citroën decise nel 1983 di produrre altre 1.650 vetture destinate a Francia, Germania, Austria, Belgio, Paesi Bassi, Svizzera e Italia. Ben 400 furono quelle realizzate per il Belpaese, con strisce tricolori rosse e verdi su campo bianco e motore da 80 Cv. Immatricolata a Ravenna nel febbraio del 1983, recuperata a Siena, l'esemplare entrato nel "parco stampa" è stato sottoposto a un attento e documentato restauro, effettuato a Sesto Imolese da Moreno Tassinari, per moltissimi anni riparatore autorizzato Citroën e grande appassionato della Visa. Con il test in pista effettuato sul circuito di Imola a fine giugno, questa Visia Chrono è finalmente tornare a correre e a far divertire.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie