Percorso:ANSA > Europa > Altre news > Immigrazione: Libia; Gentiloni, non servono allarmismi

Immigrazione: Libia; Gentiloni, non servono allarmismi

A Frontex chiediamo maggiore collaborazione

06 marzo, 18:18

RIGA - "Non serve sollevare allarmi e allarmismi, si tratta di impegnarci di più, noi italiani e l'Europa, per fronteggiare il fenomeno delle migrazioni. Quello che chiediamo a Frontex è maggiore collaborazione". Così il ministro Paolo Gentiloni risponde a chi chiede un commento sulla stima del direttore di Frontex dei migranti pronti a partire. "Certamente c'è un incremento di immigrazione ma non mi metterei a dare particolari numeri. Bisogna lavorare sui numeri dell'impegno comune anche economico per fronteggiare questa situazione", aggiunge Gentiloni rispondendo ai giornalisti a margine del Consiglio esteri informale di Riga.

 

"Io francamente, più che occuparmi di scenari più o meno allarmanti - osserva il ministro - sto cercando la collaborazione dell'Unione europea per tenere il più possibile sotto controllo questo fenomeno. L' immigrazione ci sarà sempre ma possiamo dare un contributo per renderla più regolare e più compatibile con le condizioni di accoglienza e di umanità che sono necessarie". Gentiloni poi "ringrazia" la Commissione europea per "la prima risposta di emergenza già data due settimane fa" e, ricordando la nuova lettera inviata assieme ad Alfano, sottolinea che nel quadro della strategia europea sulle migrazioni che Bruxelles presenterà a maggio "uno degli aspetti deve essere il rafforzamento della missione Triton e di conseguenza dell'agenzia Frontex".

 

Sul punto si dice "abbastanza fiducioso" che la Ue "darà a Frontex ulteriori mezzi economici e che questo consenta il dispiegamento di altri mezzi aeronavali di altri paesi, la cui presenza dipende dalla disponibilità finanziaria dell'agenzia". "Sono abbastanza convinto che l'Europa si farà carico in modo maggiore rispetto ai mesi scorsi di questa emergenza", conclude, sottolineando che "un intervento dell'intera Ue sui paesi vicini alla Libia, sul monitoraggio ed il salvataggio in mare può non solo tenere sotto controllo ma ridurre questo fenomeno".

 


(Segui ANSA Europa su Facebook e  Twitter)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA