Bilancio Ue: regioni, inaccettabili tagli sviluppo rurale

Presidenza croata, riduzione fondi territori è 'zappa sui piedi'

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES - Dalla Baviera alla Bretagna, dalla Castilla y Leon a Lombardia e Emilia-Romagna, dalla Toscana alla Provincia autonoma di Bolzano, le regioni Ue alzano la voce contro i tagli allo sviluppo rurale della Pac. In un evento organizzato insieme a organizzazioni per le aree rurali a Bruxelles, la Coalizione delle AgriRegioni, che rappresenta regioni da Italia, Francia, Spagna, Portogallo, Germania e Polonia, ha definito "inaccettabile" la riduzione del 25% prevista nella bozza Michel. Se "i leader europei vogliono mantener fede alle promesse di tutelare territori rurali dinamici, i contributi vanno almeno mantenuti al livello attuale", ha dichiarato Jannes Maes del Consiglio giovani agricoltori Ue (Ceja).

"Abbiamo ambizioni ambientali per la Pac, ma tagliando i fondi per lo sviluppo rurale ci diamo la zappa sui piedi", ha rincarato la dose il portavoce del comitato speciale Ue per l'agricoltura per la presidenza croata Niksa Tkalec chiudendo i lavori.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute."

Modifica consenso Cookie