Alimentare: Bellanova, con ddl contro reati più tutele

Falso made in Italy costa al nostro Paese 100 mld l'anno

Redazione ANSA

L'Italia "ha uno strumento in più per la tutela dei prodotti made in Italy, le indicazioni geografiche, i consumatori. E soprattutto per il riconoscimento del valore prioritario della identità dei cibi, uno degli elementi fondativi alla base della Dieta Mediterranea patrimonio dell'umanità". Così la ministra delle Politiche agricole Teresa Bellanova, in merito alla riforma contro i reati agroalimentari, frodi, contraffazioni e agropiraterie approvata ieri sera dal Consiglio dei ministri, che vede come proponente il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, e come co-proponente la ministra Bellanova.

"Il falso made in Italy - ricorda la ministra Bellanova - costa al nostro Paese 100 miliardi di euro l'anno, contro i circa 42 di export dei prodotti autentici. Un vero e proprio furto di identità che danneggia i nostri produttori, mina la salute dei consumatori, ingannandoli, rischia di incrinare la reputazione del Paese". Ora "con questo testo che prende le mosse da una proposta della Commissione Caselli, si garantisce l'effettiva tutela dei prodotti alimentari, si rielabora il sistema delle sanzioni, si amplia la sfera delle tutele.

Non a caso fin dal mio insediamento al ministero - afferma Bellanova in una nota - ho sostenuto la necessita di rafforzare ulteriormente il sistema di controlli che già oggi ci pone fra i migliori al mondo per poter tutelare di più e meglio le nostre indicazioni geografiche e i nostri marchi e sconfiggere la concorrenza sleale che avvelena le filiere e produce distorsioni inaccettabili di mercato. Per questo un grazie a Giancarlo Caselli e a tutti i componenti dell'Osservatorio Agromafie che con il loro lavoro hanno contribuito in modo determinante alla definizione delle nuove norme". 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie