Vacanze Natale tra storia e green

Tra le migliori destinazioni, il Belpaese attira i turisti

Redazione ANSA

Natale e Capodanno in Italia, tra bellezze artistiche, storia, gastronomia e golf. No, non si tratta di un cinepanettone. Il Bel Paese è stato da poco incoronato come migliore destinazione golfistica d'Europa nel 2017 da Square Mile, rivista di lifestyle e business più letta a Londra. Le sue bellezze, anche in tema di golf, sono state riconosciute perfino dalla severa stampa britannica. Tante le eccellenze della Penisola. Tra queste c'è anche il Verdura Resort di Sciacca (Agrigento), dove pure nel 2018 (10-13 maggio) si disputerà il Rocco Forte Open, tappa dell'European Tour che farà da prologo all'Open d'Italia (31 maggio - 3 giugno al Gardagolf Country Club). Ma anche il San Domenico Golf di Savelletri di Fasano (Brindisi), dove lo scorso novembre s'è svolto il primo "Challenge Sergio Melpignano" (avvocato scomparso nel 2015) per onorare la memoria dell'inventore della "wedding valley" pugliese e fondatore di Borgo Egnazia. Sicilia e Puglia sono solamente due tra le tante eccellenze italiane a livello golfistico. Con il Sud che per le vacanze invernali si prospetta come una meta (dall'ottimo clima) gettonata dai turisti di tutto il mondo. Ed è anche attraverso il Mezzogiorno che la Federazione italiana golf ha voluto incentrare lo sviluppo del progetto Ryder Cup 2022. Dalla Valle dei Templi (Agrigento) è partito un percorso che si sta dimostrando vincente oltre che avvincente.
    Che punta sulla valorizzazione del territorio e delle strutture a disposizione. I tempi sono cambiati. Un tempo i turisti stranieri sceglievano mete tropicali per le loro ferie all'insegna del mare e del golf. Le difficili vicende geopolitiche, che hanno investito paesi come Tunisia e Marocco, teatri di diversi attentati terroristici negli ultimi anni, hanno cambiato lo scenario. Grazie anche alle strategie intraprese dall'Italia che sul golf, pure in vista dell'edizione italiana tra Usa ed Europa che si giocherà nel 2022 al Marco Simone Golf and Country Club (Roma), ha puntato molto. Non solo la Valle dei Templi e i trulli. E ancora: le arance, i cannoli, il pistacchio, la cioccolata, i taralli, le orecchiette e la cima di rapa. Oltre al Sud a distinguersi tantissime realtà del centro-Nord dove poter passare le feste e festeggiare l'inizio del nuovo anno. Privilegiando la montagna al mare e la polenta e il risotto alle granite. Il tutto sempre all'insegna della storia. Il Golf Club Milano di Monza, a pochi chilometri dal Duomo, lì dove s'è disputata la 74/a edizione dell'Open d'Italia, rappresenta uno dei campi più belli d'Italia. Mentre a Madonna di Campiglio, una delle mete più gettonate per le vacanze sciistiche, c'è il "Golf Club Campo Carlo Magno" (9 buche). Per non parlare del Piemonte, che vanta strutture belle e all'avanguardia. Senza dimenticare la Toscana, l'Emilia-Romagna e il Lazio. Tra fiorentine, tortellini, parmigiano, prosciutto, amatriciana, Colosseo e green.
    C'è solo l'imbarazzo della scelta. Con l'Italia che rappresenta sempre più una meta attrattiva anche per i golfisti di tutto il mondo. Dove poter festeggiare Natale, Capodanno e, perché no, l'Epifania.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA