Dl Sicurezza:associazioni e sindacati, così no

"Vendita beni confiscati a privati è segno che Stato si arrende"

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 2 NOV - "Nei prossimi giorni il Parlamento si accinge ad approvare il Decreto Sicurezza dove si prevede l'estensione della vendita dei beni immobili confiscati a tutti i soggetti privati. La vendita di quei beni significherà una cosa soltanto: che lo Stato si arrende di fronte alle difficoltà del loro pieno ed effettivo riutilizzo sociale, come prevede la legge". Lo scrivono, in un appello unitario, Acli, Arci, Articolo 21, Avviso Pubblico, Centro Studi "Pio La Torre", Cgil, Cisl, Uil, Federazione Nazionale della Stampa Italiana, Legambiente, Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie e Usigrai. Per queste ragioni le associazioni e i sindacati chiedono al Parlamento "che la vendita venga considerata in maniera chiara e inequivocabile una extrema ratio e non una scorciatoia per evitare le criticità che si riscontrano nella destinazione e assegnazione dei beni". "Chiediamo al Parlamento - scrivono - di rafforzare, piuttosto, l'azione di aggressione ai patrimoni delle mafie e della criminalità economica/finanziaria e di dare concreta attuazione alle norme che stabiliscono la confisca di beni ai corrotti. Chiediamo, infine, un rafforzamento complessivo dell'Agenzia nazionale e che la costituzione dei tavoli provinciali per le aziende sequestrate e confiscate non sia lasciata alla discrezionalità delle Prefetture come invece recita in modo chiaro il testo in vigore del Codice Antimafia.
    Chiediamo, altresì, che i fondi pubblici per gli investimenti e per l'accesso al credito siano resi pienamente operativi così come la previsione di risorse dedicate ai progetti di riutilizzo sociale a favore degli Enti pubblici destinatari dei beni e delle associazioni/cooperative assegnatarie". L'appello è a tutte le forze politiche in Parlamento "perché si fermino e ripensino quanto stanno per votare e considerino le proposte che le scriventi organizzazioni sindacali e associazioni hanno sempre evidenziato. Non possiamo rischiare che il provvedimento si traduca in un ulteriore "regalo" alle mafie".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA