Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Von der Leyen, appalti congiunti sulle armi come su vaccini

Von der Leyen, appalti congiunti sulle armi come su vaccini

"Dobbiamo poter usare i beni russi congelati per dare armi a Kiev"

28 febbraio 2024, 10:59

Redazione ANSA

ANSACheck

Von der Leyen, appalti congiunti sulle armi come su vaccini © ANSA/AFP

STRASBURGO, 28 FEB - Al centro di tutto della strategia sulla difesa "deve esserci un semplice principio: l'Europa deve spendere di più, spendere meglio, spendere in modo europeo. Nelle prossime settimane presenteremo alcune proposte con la prima strategia industriale europea per la difesa. Uno degli obiettivi centrali sarà quello di dare priorità agli appalti congiunti nel settore della difesa. Proprio come abbiamo fatto con vaccini o con il gas naturale". Lo ha annunciato la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen intervenendo alla Plenaria dell'Eurocamera. 

"Questo ci aiuterà a ridurre la frammentazione e ad aumentare l'interoperabilità. Ma per farlo dobbiamo inviare collettivamente un segnale forte all'industria. Per questo motivo valuteremo come facilitare gli accordi di off-take o accordi di acquisto anticipato in cui forniamo garanzie. Questo darebbe alle nostre aziende del settore della difesa ordini stabili e prevedibili nel lungo periodo. Aumenteremo il sostegno al ramp-up industriale, come stiamo facendo ora con le munizioni attraverso il programma Asap", ha spiegato la presidente della Commissione Ue, a proposito del quale ha detto: "questo finanziamento ci consentirà di raddoppiare all'incirca la produzione europea di munizioni, portandola a oltre 2 milioni di proiettili all'anno entro la fine del 2025".

"Identificheremo i progetti di difesa europei di interesse comune, per concentrare gli sforzi e le risorse dove l'impatto e il valore aggiunto sono maggiori", ha ancora spiegato. "E ci concentreremo sull'innovazione per garantire che l'Europa abbia quel vantaggio nelle nuove tecnologie, che vediamo impiegate in tutto il mondo in diversi conflitti. Questo deve essere uno sforzo veramente europeo. Ed è per questo che sono orgogliosa di annunciare che istituiremo un Ufficio per l'Innovazione della Difesa a Kiev, che avvicinerà sempre di più l'Ucraina all'Europa e consentirà a tutti gli Stati membri di attingere all'esperienza sul campo di battaglia e alle competenze in materia di difesa industriale", ha proseguito von der Leyen.

E parlando di Kiev, "è tempo di discutere dell'utilizzo dei profitti inaspettati dei beni russi congelati per acquistare congiuntamente equipaggiamenti militari per l'Ucraina. Si tratta di un'assunzione di responsabilità da parte dell'Europa per la propria sicurezza". La semplice verità è che non possiamo permetterci il lusso di stare tranquilli. Non abbiamo il controllo sulle elezioni o sulle decisioni in altre parti del mondo. Con o senza il sostegno dei nostri partner, non possiamo permettere che la Russia vinca", ha sottolineato.

"Negli ultimi anni abbiamo vissuto nell'illusione di una pace. Putin ha usando questo dividendo frutto della pace per una nuova guerra". Ora "stiamo assistendo alla potenza e ai pericoli legati a una crescente e inquietante lega di leader autoritari. La Corea del Nord sta consegnando alla Russia ordini su ordini di munizioni. L'Iran sta fornendo droni d'attacco, e, cosa fondamentale, c'è anche la tecnologia che li sostiene, per infliggere danni incalcolabili alle città e ai cittadini ucraini", ha proseguito von der Leyen. "La guerra a Gaza e la destabilizzazione su larga scala in Medio Oriente indicano un'era di insicurezza e di conflitto nella regione. Insicurezza e di conflitti nella regione e oltre. E, naturalmente, assistiamo alla continua ascesa della concorrenza economica aggressiva e di distorsioni, che comportano rischi reali per la sicurezza europea. Per dirla senza mezzi termini, come ha fatto il mese scorso il presidente finlandese uscente Niinistö: "L'Europa deve svegliarsi". E aggiungerei: con urgenza! Perché la posta in gioco è molto alta: la nostra libertà e la nostra prosperità. E dobbiamo iniziare a comportarci di conseguenza", ha aggiunto.

"Dobbiamo iniziare a lavorare sul futuro dell'architettura di sicurezza europea. Perché la verità è che non stiamo vivendo con il conflitto solo dal 2022, ma da molto più tempo. Le minacce alla nostra sicurezza, alla nostra prosperità e al nostro stile di vita si presentano in molte forme. Alcune sono evidenti, altre sono più confuse in superficie", ha esporto la presidente dell'esecutivo europeo all'emiciclo di Strasburgo.

Si va "dall'affrontare le interferenze politiche alla riduzione delle nostre pericolose dipendenze - una politica che ho chiamato di de-risking, fino all'eliminazione degli attori ostili dalle nostre infrastrutture critiche. Noi europei dobbiamo stare in guardia. Non si tratta solo di sconfiggere i prepotenti sul campo di battaglia, ma in tutta la nostra società. Sarà uno sforzo comune. Ma sono fiduciosa che riusciremo a vincere questa sfida", ha spiegato. "La buona notizia è che abbiamo già iniziato molto di questo lavoro. In effetti, gli ultimi anni non sono serviti solo a infrangere alcune illusioni europee. Ma hanno anche infranto molte illusioni sull'Europa", ovvero "che la nostra unità non avrebbe retto di fronte a una guerra nel nostro continente. O che le nostre regole e divisioni ci avrebbero impedito di fornire un massiccio sostegno finanziario, militare e politico. Negli ultimi due anni, l'Europa ha dimostrato che sosterrà l'Ucraina per tutto il tempo necessario. E abbiamo anche dimostrato che un'Europa più sovrana non è solo un pio desiderio", ha osservato von der Leyen.

"Su un punto vorrei essere chiara - chiosa von der Leyen - la sovranità europea renderà più forti i nostri partenariati. Non influirà mai sull'importanza e la necessità della nostra alleanza della Nato. Anzi, un'Europa più sovrana, in particolare in materia di difesa, è fondamentale per il rafforzamento della Nato. Ecco perché sono lieta della notizia che la Svezia diventerà presto un alleato della Nato. E voglio congratularmi con la Svezia, sotto la guida di Kristersson per questo passo storico per il Paese e per la nostra sicurezza comune", ha concluso.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

ANSA Corporate

Se è una notizia,
è un’ANSA.

Raccogliamo, pubblichiamo e distribuiamo informazione giornalistica dal 1945 con sedi in Italia e nel mondo. Approfondisci i nostri servizi.