Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Gentiloni: 'A oggi sborsati 225 miliardi del Next Generation EU'

Gentiloni: 'A oggi sborsati 225 miliardi del Next Generation EU'

"Prevediamo che il 54% di target e obiettivi raggiunti entro il 2024"

21 febbraio 2024, 12:46

Redazione ANSA

ANSACheck

Paolo Gentiloni - RIPRODUZIONE RISERVATA

"A oggi sono stati sborsati quasi 225 miliardi di euro a sostegno delle economie dell'Ue". Lo ha detto il commissario all'Economia Paolo Gentiloni presentando la valutazione intermedia del dispositivo per la ripresa e la resilienza. "Al primo febbraio, la Commissione ha valutato come raggiunti in modo soddisfacente 1.153 traguardi e obiettivi su 6.266 (il 18%) - ha aggiunto - e gli Stati membri hanno segnalato il completamento di altri 1.238 traguardi intermedi e finali (38%)". "Prevediamo - ha concluso- che oltre la metà (54%) di tutti i traguardi e gli obiettivi saranno completati entro la fine del 2024". 

La valutazione intermedia del dispositivo per la ripresa e la resilienza "mette in mostra i progressi compiuti finora con il Pnrr, e ce ne sono stati molti. Naturalmente c'è sempre spazio per miglioramenti", prosegue Gentiloni. "Le lezioni che abbiamo delineato dovrebbero essere recepite a partire da ora. Il Pnrr ha poco meno di tre anni di vita e per molti aspetti la seconda metà della sua vita sarà più impegnativa della prima, poiché gli investimenti raggiungono una fase critica nella loro attuazione". 

"Sappiamo che alcune autorità e istituzioni nazionali, anche se non tutte, vorrebbero vedere una maggiore flessibilità sia nel processo di valutazione delle tappe intermedie e degli obiettivi, sia nella procedura di revisione dei piani. E siamo pronti a cercare modi per affrontare queste sfide, senza riaprire il quadro giuridico", ha detto il commissario europeo all'Economia.

I modelli economici della Commissione suggeriscono che il Next Generation EU ha il potenziale per aumentare il Pil reale dell'Ue fino all'1,4% nel 2026, rispetto a una situazione senza lo strumento. Nel 2022 la crescita in più stimata è stata dello 0,4%, rispetto all'1,9% atteso nel 2020. Il dato non include, però, l'atteso stimolo delle riforme, che si esplica nel lungo periodo e che la Commissione si attende abbia un "impatto significativo".

"Abbiamo istituito il piano di ripresa Next Generation EU da 800 miliardi di euro come risposta potente alle ricadute economiche e sociali della pandemia. A tre anni dalla sua esistenza, Next Generation EU continua a sostenere la nostra ripresa economica e a promuovere cambiamenti positivi in tutta l'Ue". Lo sottolinea la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen nel comunicato dell'esecutivo comunitario per la presentazione della valutazione intermedia del Pnrr. "Abbiamo visto finanziamenti per progetti di efficienza energetica, energie rinnovabili e digitalizzazione come mai prima d'ora - segnala von der Leyen -. Il nostro piano ha aiutato i giovani ad acquisire le competenze di cui hanno bisogno e ha contribuito a far crescere il nostro settore a zero emissioni nette. Con una combinazione unica di riforme e investimenti, Next Generation EU sta affrontando le sfide nazionali e accelerando le nostre priorità comuni per un'Ue verde, inclusiva, digitale, resiliente e competitiva. La valutazione intermedia odierna illustra questi risultati e apre la strada al 2026".

"Da qui al 2026 noi proiettiamo un impatto medio di un punto e mezzo di Pil nel 2026" aggiuntivo nell'Ue grazie all'apporto del Pnrr "e l'Italia ne avrà uno nella media. "Io non credo troppo a questa modellistica. Dobbiamo essere consapevoli che queste riforme e investimenti servono per il futuro del nostro Paese come per il futuro dell'intera Europa", ha detto Gentiloni parlando a margine della presentazione della valutazione intermedia del dispositivo per la ripresa e la resilienza.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

ANSA Corporate

Se è una notizia,
è un’ANSA.

Raccogliamo, pubblichiamo e distribuiamo informazione giornalistica dal 1945 con sedi in Italia e nel mondo. Approfondisci i nostri servizi.