Draghi, preparare subito stoccaggi di energia integrati

Von der Leyen, esploreremo acquisto congiunto

Redazione ANSA

BRUXELLES - "Il Consiglio di oggi, immaginato come se fosse una riunione di transizione, senza grandi discussioni, si è rilevato importante e con discussioni approfondite e complesse". Lo dice il premier Mario Draghi in conferenza stampa.

Sull'energia, spiega Draghi, "siamo stati espliciti con la necessità di preparare subito uno stoccaggio integrato con le scorte strategiche. Dobbiamo proteggere tutti i Paesi dell'Ue in egual misura". "Nel lungo periodo è sulla strategia delle rinnovabili che bisogna puntare. Ma se i prezzi del gas salgono, si pone un problema anche di finanziare questo percorso. Ed è difficile rinunciare al gas immediatamente per molti Paesi", ha aggiunto.

"La consapevolezza della complessità di saper calibrare la velocità della transizione ecologica con la disponibilità degli attuali combustibili e con i prezzi a loro legati, c'è di sicuro al livello Ue, e comunque ci saremmo stati noi", ha spiegato Draghi, secondo cui "è importante ricordarsi soprattutto dei poveri, delle fasce più deboli. Ed è questo il motivo per cui il governo è intervenuto già più volte e sarà sempre la prospettiva con cui queste misure sono decise, con la necessità di assicurare l'equità". "Come abbiamo detto in tanti non c'è crescita senza equità", ha concluso.

Il premier ha poi riferito che "c'è stata una discussione anche sul nucleare: alcuni paesi vogliono che il nucleare rientri tra le fonti di energia non inquinanti. La commissione presenterà un atto in dicembre. Ci sono posizioni molto diverse e vedremo cosa proporrà la commissione". 

"Sui prezzi dell'energia, mentre sosteniamo i consumatori e le imprese, lavoreremo sull'aumento della resilienza e dell'indipendenza. Vedremo come stabilire una riserva di gas, esploreremo l'approvvigionamento congiunto, intensificheremo il contatto con i fornitori e accelereremo il lavoro sulle interconnessioni". Lo ha detto la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: