Paul De Grauwe, senza coronabond Eurozona scomparirà

La posizione dei 'falchi' nordeuropei è un regalo agli euroscettici

Redazione ANSA

BRUXELLES - Senza solidarietà all'Italia dal nord Europa e una risposta economica comune, "l'intero progetto europeo scomparirà". Per questo i coronabond sono "fondamentali" e i governi che non se ne rendono conto, come i Paesi Bassi, "vivono su un altro pianeta". In un'intervista all'ANSA, l'economista belga Paul De Grauwe, professore alla London School of Economics e autore di numerosi saggi, non usa mezzi termini: senza un accordo tra gli Stati membri, non solo l'Italia, ma l'intera Eurozona verrà schiacciata dal peso del suo stesso debito e dalla sua incapacità di agire.

"E' fondamentale agire con strumenti concreti come i coronabond per sostenere Paesi quali l'Italia e la Spagna, particolarmente esposti all'aumento del debito", spiega il professore che ritiene questa strada "la via migliore" per attutire l'urto e mostrare unità. In alternativa, "la stessa Bce può intervenire e finanziare i deficit" degli Stati, anche se questo vorrebbe dire andare "oltre il mandato". Un problema legale aggirabile. "Sono abbastanza sicuro - dice De Grauwe - che gli avvocati possano trovare una soluzione". Coronabond o Bce, l'effetto, assicura l'economista, sarebbe salvifico allo stesso modo perché "impedirebbe a Paesi come l'Italia di trovarsi con un rapporto debito-Pil (già molto alto) in drammatico aumento, al punto di innescare una nuova crisi dei debiti sovrani".

Quest'eventualità avrebbe ripercussioni ben oltre l'economia. "Se non siamo in grado di darci reciproco sostegno nemmeno nel bel mezzo della peggiore crisi dal dopoguerra, la zona euro e l'Europa scompariranno" perché "ci saranno reazioni" da parte dei cittadini. "Se fossi italiano - ipotizza l'economista - e vedessi che gli altri Paesi non sono disposti ad aiutare l'Italia, metterei in dubbio l'appartenenza all'Unione" perché mancherebbe delle "basi minime di solidarietà".

Solidarietà necessaria anche sul fronte del fondo salva-Stati. L'idea portata avanti con fermezza dall'Olanda e altri 'falchi' nordeuropei di mantenere la condizionalità per l'accesso alle linee di credito del Mes "è terribile". Chi sostiene questa linea "è avaro e di mentalità chiusa", attacca De Grauwe, che si chiede: "Come si può concedere credito all'Italia condizionandolo al tempo stesso all'attuazione di misure di austerità? E' una pazzia". La speranza, per il professore, è che i leader Ue trovino un accordo anche se al momento "non c'è segno di solidarietà".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: