Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Banche: accordo commissione Ue con Italia e 3 stati su Dta

Banche: accordo commissione Ue con Italia e 3 stati su Dta

Per trattamento imposte differite c'erano timori aiuti stato

BRUXELLES, 08 novembre 2016, 20:55

Redazione ANSA

ANSACheck

BRUXELLES - La Commissione Ue ha raggiunto una soluzione con l'Italia, la Spagna, il Portogallo e la Grecia sul tema delle Dta (le imposte differite attive) delle banche per la quale lo scorso anno aveva acceso un faro per la possibile configurazione di forme di aiuti di stato. Le Dta sono imposte pagate anticipatamente dalla banca in qualità di contribuente e che saranno recuperate in esercizi futuri. "Negli scorsi due anni - spiega la Commissaria Margrethe Vestager "abbiamo lavorato con i quattro paesi Italia, Spagna, Grecia e Portogallo per fare fronte ai timori per la concorrenza". "Tutti i 4 stati - spiega - hanno posto fine alle distorsioni" e "questo caso mostra che una stretta cooperazione può aiutare a risolvere anche i problemi più difficili". I quattro paesi hanno così modificato la loro legislazione.

 

L'Italia lo ha fatto già nel 2015, l'ultimo è stato il Portogallo ad agosto di quest'anno. Per il nostro paese il cambio aveva visto il blocco di nuove garanzie pubbliche mentre a maggio di quest'anno il governo si era impegnato sullo stock esistente di Dta che non possono essere giustificati da pagamenti ulteriori di imposte. Le banche che ne beneficiano devono ora pagare una compensazione annua pari all'1,5% del totale della garanzia. Modifiche giudicate con favore dalla Commissione.

 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

ANSA Corporate

Se è una notizia,
è un’ANSA.

Raccogliamo, pubblichiamo e distribuiamo informazione giornalistica dal 1945 con sedi in Italia e nel mondo. Approfondisci i nostri servizi.