Percorso:ANSA > Europa > Altre news > Ambiente: Ue, Italia in ritardo su zone speciali conservazione

Ambiente: Ue, Italia in ritardo su zone speciali conservazione

Commissione ha aperto una procedura d'infrazione

22 ottobre, 19:35
Ambiente: Ue, Italia in ritardo su zone speciali conservazione Ambiente: Ue, Italia in ritardo su zone speciali conservazione

BRUXELLES - Le Regioni italiane sono in ritardo sulle zone speciali di conservazione ambientale. E' il monito che la Commissione Ue rivolge all'Italia, che ha aperto nei suoi confronti come in quelli di altri stati membri ugualmente ritardatari una procedura d'infrazione per il mancato rispetto della direttiva Habitat. In base a questa gli stati membri avevano l'obbligo di identificare i siti ambientali di interesse comunitario (Sic), che le Regioni a loro volta avevano l'obbligo entro sei anni di designare con zone speciali di conservazione (Zsc) e quindi procedere all'identificazione delle relative misure di tutela.

 

In Italia, però, questo è avvenuto solo per il 20% dei siti designati, lasciandone 'scoperti' circa 1.880 su 2.280, pari all'80%. Inoltre ci sono ancora 566 siti di interesse comunitario sprovvisti di misure di conservazione, mentre molti altri le hanno ma senza la designazione completa di zone speciali di conservazione. Da qui la decisione di Bruxelles di inviare una lettera di messa in mora all'Italia.

 


(Segui ANSA Europa su Facebook e  Twitter)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA