Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Von der Leyen ritira la proposta di regolamento sui pesticidi

Von der Leyen ritira la proposta di regolamento sui pesticidi

Incentivi con sussidi per la categoria, "fare di più per i terreni incolti"

06 febbraio 2024, 14:46

Redazione ANSA

ANSACheck

Von der Leyen ritira la proposta di regolamento sui pesticidi © ANSA/AFP

STRASBURGO - "I nostri agricoltori meritano di essere ascoltati. So che sono preoccupati per il futuro dell'agricoltura e per il loro futuro. Ma sanno anche che l'agricoltura deve passare a un modello di produzione più sostenibile, in modo che le loro aziende rimangano redditizie negli anni a venire". Lo ha detto la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen alla Plenaria del Parlamento europeo, annunciando che proporrà al collegio dei commissari "il ritiro" della proposta legislativa sui pesticidi. Il regolamento "diventata un simbolo di polarizzazione" ha spiegato, sottolineando che "una nuova proposta, più matura", sarà fatta in futuro.

"La proposta è stata rigettata dall'Eurocamera, e non ci sono progressi neanche in Consiglio", ha sottolineato von der Leyen soffermandosi a lungo, nel suo intervento, sulle proteste degli agricoltori. "Molti di loro si sentono messi all'angolo .Gli agricoltori sono i primi a risentire degli effetti del cambiamento climatico. Siccità e inondazioni hanno distrutto raccolti e minacciato il bestiame. Gli agricoltori risentono dell'impatto della guerra di Russia. L'inflazione, l'aumento del costo dell'energia e dei fertilizzanti. Ciononostante, lavorano duramente ogni giorno per produrre il cibo di qualità che mangiamo. Per questo, dobbiamo loro apprezzamento, ringraziamento e rispetto", ha sottolineato. "Abbiamo lanciato il Dialogo strategico sul futuro dell'agricoltura nell'Ue. Abbiamo invitato i rappresentanti del settore agricolo, delle comunità rurali, dell'industria delle sementi e dei fertilizzanti, del settore alimentare, ma anche del settore finanziario, dei consumatori e del settore alimentare, dei gruppi di consumatori e ambientalisti e della scienza. Abbiamo bisogno di analizzare insieme la situazione, condividere idee e sviluppare scenari per il futuro. Dobbiamo andare oltre oltre un dibattito polarizzato e creare fiducia. La fiducia è la base fondamentale per soluzioni praticabili. La posta in gioco è alta per tutti noi. Il nostro sistema di produzione alimentare è unico", ha spiegato ancora.

"Gli agricoltori hanno bisogno di un'argomentazione commerciale valida per le misure di miglioramento della natura, e forse noi non l'abbiamo fatta in modo convincente. Di un vero e proprio incentivo che vada oltre la semplice perdita di resa. I sussidi pubblici possono fornire tali incentivi". Questo ha detto Von der Leyen lanciando l'idea di "un'etichettatura premium, ad esempio in collaborazione con i rivenditori e i trasformatori".

"Il terreno fertile è sempre stato la spina dorsale del sostentamento di un agricoltore. Ma dal 60 al 70 per cento dei suoli in Europa è ora in cattive condizioni. Possiamo invertire queste tendenze. E molti agricoltori lo stanno facendo. Ma dobbiamo fare di più", ha sottolineato von der Leyen aggiungendo: "la conservazione della natura può avere successo solo attraverso un approccio dal basso verso l'alto e basato sugli incentivi. Perché solo se i nostri agricoltori potranno vivere della terra, investiranno nel futuro".

Sulle decisioni prese dal Consiglio europeo straordinario dello scorso 1 Febbraio a Bruxelles poi Von der Leyen ha commentato, "gran parte dell'attenzione intorno al Consiglio europeo straordinario si è concentrata sul nostro Fondo per l'Ucraina da 50 miliardi di euro. Stiamo fornendo all'Ucraina non solo i finanziamenti necessari per far funzionare l'economia, ma anche una forte prevedibilità per i prossimi quattro anni. Questo Parlamento ha sostenuto la nostra proposta fin dall'inizio. Oggi vorrei ringraziarvi per il vostro incrollabile sostegno. Questo è ciò che significa essere al fianco dell'Ucraina per tutto il tempo necessario. Con con la vostra approvazione, saremo in grado di effettuare importanti pagamenti all'Ucraina già a marzo".

"Il Consiglio europeo speciale ha anche approvato la prima revisione del nostro bilancio pluriennale. Conferma le priorità che la Commissione ha presentato a giugno. Sono molto soddisfatta di aver ottenuto l'80% dei fondi che avevamo chiesto. Abbiamo dovuto fare delle scelte difficili, ma il risultato è molto buono. Ora saremo in grado di intensificare la lotta all'immigrazione irregolare e di proteggere meglio le nostre frontiere esterne. Ora abbiamo i mezzi per impegnarci ancora di più con i Paesi del vicinato meridionale. E sono molto lieta che il piano di crescita per i Balcani occidentali abbia ora una solida base finanziaria", ha sottolinea von der Leyen, aggiungendo: "saremo inoltre in grado di migliorare la nostra risposta alle catastrofi naturali negli Stati membri e alle crisi crisi umanitarie, ad esempio a Gaza. E con Step sosterremo le tecnologie critiche che sono made-in-Europe".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

ANSA Corporate

Se è una notizia,
è un’ANSA.

Raccogliamo, pubblichiamo e distribuiamo informazione giornalistica dal 1945 con sedi in Italia e nel mondo. Approfondisci i nostri servizi.