Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ue apre procedura infrazione Polonia per stato diritto

Ue apre procedura infrazione Polonia per stato diritto

Nel mirino la legge sulle modifiche al sistema giudiziario

29 aprile 2020, 13:50

Redazione ANSA

ANSACheck

Ue apre procedura infrazione Polonia per stato diritto © ANSA/EPA

BRUXELLES - Bruxelles ha lanciato una procedura d'infrazione contro la Polonia per la "legge approvata il 14 febbraio che apporta modifiche al funzionamento del sistema giudiziario, col serio rischio di un controllo politico del sistema". Lo annuncia la vicepresidente dell'Esecutivo Ue, Vera Jurova. "Il virus non può uccidere la democrazia", ha affermato Jurova, invitando Varsavia ad "affrontare le preoccupazioni" sullo stato di diritto della Commissione Ue. La Polonia ha due mesi per rispondere.

Gli Stati membri possono riformare il loro sistema giudiziario, ma lo devono fare senza violare i trattati dell'Ue", afferma Jurova. La vicepresidente ha inoltre spiegato che sta "monitorando la situazione con attenzione in tutti gli stati membri", ed in particolare in Ungheria. "Sono 20 quelli che hanno adottato lo stato d'emergenza per affrontare la crisi - spiega -. Riconosciamo che una situazione eccezionale richiede soluzioni eccezionali, ma questo non significa che la costituzione ed il Parlamento debbano essere spenti ed i giornalisti silenziati".

 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

ANSA Corporate

Se è una notizia,
è un’ANSA.

Raccogliamo, pubblichiamo e distribuiamo informazione giornalistica dal 1945 con sedi in Italia e nel mondo. Approfondisci i nostri servizi.