Gentiloni, valutare fondi Ue per vantaggi Sud

'Possibile proroga aiuti se effetti oltre scadenza'

Redazione ANSA

BRUXELLES - Sulla fiscalità di vantaggio per il Sud "è prematuro trarre conclusioni sull'ammissibilità di questa misura nell'ambito della politica di coesione, il Fondo sociale europeo Plus (Fse+) e di React-Eu, sia perché non è stato approvato alcun regolamento, sia perché è necessaria una valutazione globale della proposta italiana". Così il commissario Ue per gli Affari economici, Paolo Gentiloni, rispondendo a un'interrogazione dell'Europarlamentare Cinque Stelle, Laura Ferrara, sul regime di aiuti notificato dall'Italia, nell'ambito del quadro temporaneo, che riduce i contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro privati nel Sud del Paese fino al 31 dicembre 2020.

L'eurodeputata aveva interrogato la Commissione Ue sulla possibilità di prorogare la "fiscalità di vantaggio" nei prossimi anni e sul sostegno dal programma Next Generation EU e dalle politiche di coesione. "In via eccezionale possono essere finanziate anche spese di natura ricorrente nella misura in cui lo Stato membro sia in grado di dimostrare che produrranno effetti a più lunga scadenza, in linea con gli obiettivi del dispositivo, e che saranno sostenibili in termini di bilancio oltre la durata del dispositivo", ha chiarito Gentiloni. "La valutazione dovrà vagliare se la misura sia parte integrante di un programma di riforme/investimenti in grado di produrre tali effetti", conclude.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute."

Modifica consenso Cookie