Da quest'anno Alsazia indica menzione grado zuccherino

In retroetichetta produzioni Aoc Appellation d'Origine Contrôlée

Redazione ANSA ROMA

 - Da quest'anno una menzione del grado zuccherino dovrà figurare su tutti i vini Aoc - Appellation d'Origine Contrôlée "Alsace" o "Vin d'Alsace" per guidare i consumatori nelle scelte dei vini di questa regione francese. Si tratta di una "caratteristica cruciale, in particolare per i vini bianchi - sottolinea la filiera del vino alsaziano - che aiuterà i professionisti meno esperti a scoprire l'offerta dei vini della regione o ancora renderà più semplici gli abbinamenti con le proposte gastronomiche". La nozione di equilibrio tra zucchero residuo e il livello di acidità è essenziale, ancora di più nei vini bianchi. Dalla qualità di questo equilibrio dipende l'armonia tra materia e freschezza. Concretamente, d'ora in poi, tutti i vini d'Alsazia dovranno obbligatoriamente menzionare il grado zuccherino sulla retro - etichetta così come definito dal regolamento europeo. Questa nuova indicazione dovrà essere chiara e uniforme e ciascun produttore potrà utilizzare una delle due seguenti opzioni : Opzione 1, L'utilizzo di uno dei quattro termini dedicati: · Secco : se il grado zuccherino del vino non è superiore a 4 g/l* · Demi-sec : se il grado zuccherino del vino si situa al di là dei 4 g/l ma non è superiore ai 12 g/l** · Morbido : se il grado zuccherino si situa al di là dei 12 g/l ma non è superiore ai 45 g/l · Dolce : se il grado zuccherino del vino si situa al di là dei 45 g/l Opzione 2, utilizzo di una scala che indica il grado zuccherino e indicazione tramite una freccia dell'esatta grammatura Questa indicazione permetterà di fare ancora più chiarezza al momento dell'acquisto di un vino d'Alsazia. Attesa sia dai consumatori sia dai professionisti, verrà applicata non solo alle etichette delle bottiglie di vino alsaziano, ma anche alle pubblicità (stampa e online), ai materiali di comunicazione (ad esempio dépliant, volantini, listini prezzi). Da notare che gli spumanti non sono compresi in questa indicazione. Questi ultimi hanno già visto definire il grado zuccherino in etichetta in passato.

(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie