Vino: promozione nei Paesi terzi non all'odg della Conferenza Stato-Regioni

Rammarico di otto organizzazioni filiera in lettera a Emiliano

Redazione ANSA ROMA

 - Una lettera per sottolineare il rammarico per avere appreso che nel "corso della prossima riunione della Conferenza Stato Regioni non sarà inserito all'ordine del giorno un provvedimento di cruciale importanza per il settore vitivinicolo concernente la modifica del decreto del ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali del 10 aprile 2019 n. 3893, misura "promozione nei mercati dei Paesi terzi" nell'ambito del Piano Nazionale di Sostegno".
A scriverla al coordinatore della commissione Politiche agricole della Conferenza delle Regioni e Province autonome, Michele Emiliano, i presidenti delle organizzazioni nazionali della filiera vitivinicola Giorgio Mercuri (Alleanza delle cooperative italiane), Dino Scanavno (Cia- Confederazione italiana agricoltori), Francesco Verrascina (Copagri), Sandro Boscaini (Federvini), Riccardo Cotarella (Assoenologi), Massimiliano Giansanti (Confagricoltura), Riccardo Ricci Curbastro (Federdoc), Ernesto Abbona (Unione Italiana Vini).

Nella lettera si segnala che "si portano all'attenzione di codeste Regioni le principali istanze che la filiera vitivinicola ha rivolto più volte al ministero delle Politiche Agricole, con l'obiettivo di semplificare l'implementazione della misura "promozione" nell'attuale contesto, assicurare l'attuazione dei progetti nei Paesi terzi e rafforzare le posizioni delle nostre imprese nei mercati internazionali".

Viene auspicato "che codeste Regioni possano sostenere le seguenti richieste, condivise dalle imprese vitivinicole di tutto il territorio nazionale, sterilizzazione delle penalizzazioni previste dall'art. 17 del Dm 3893/2019 e maggiore flessibilità nel cambiamento delle azioni previste dai programmi" di promozione all'estero.E "data la situazione attuale connotata da grande incertezza nella diffusione dell'epidemia da coronavirus, le aziende partecipanti segnalano evidenti e comprensibili difficoltà nell'attuazione delle azioni".(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie