Crea, al via la scuola internazionale sull'agrometeorologia

Accreditata come la prima in Italia. E' realizzata con la Fao

Redazione ANSA

ROMA - Al via la scuola internazionale sull'agrometeorologia, co-organizzata dal Crea con partecipanti da tutto il pianeta. L'iniziativa - spiega il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria (Crea) - è dedicata a chi ha già competenze agrometeorologiche, ma vuole spingersi verso ulteriori ricerche e applicazioni. L'International Advanced School of Agricultural Meteorology, dedicata a "Agrometeorologia per un'agricoltura climate smart" (Agricultural Meteorology for a Climate Smart Agriculture - Csa), si svolgerà dall'8 al 19 marzo.

L'iniziativa, accreditata come la prima edizione in Italia, ha ricevuto il supporto tecnico della Fao ed è stata organizzata dall'Associazione Italiana di Agrometeorologia (Aiam) in collaborazione Wmo-Rtc e con il contributo del Crea - Centro di ricerca Politiche e Bioeconomia. I partecipanti, selezionati tra dottorandi, professionisti, docenti universitari, ricercatori di enti nazionali ed internazionali, funzionari di Agenzie Internazionali e di Servizi Agro-Idro-Meteorologici di paesi in via di sviluppo, sono oltre quaranta di provenienza internazionale.

In una classe virtuale della durata di due settimane si alterneranno lezioni, discussioni di gruppo, casi di studio e formazione pratica per trasferire sul campo le conoscenze relative al clima, spaziando dall'agricoltura intelligente per il clima, alla comunicazione tempestiva degli impatti dei cambiamenti climatici (allerta precoce e risposta rapida), eventi estremi e ricadute sugli agroecosistemi, servizi climatici a supporto dell'agricoltura per ridurre lo sviluppo della siccità e la gestione delle emergenze, fino ad arrivare al telerilevamento e alle strutture e strumenti di osservazione della Terra dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie