Coronavirus, pranzo sociale al ministero dell'Agricoltura per dire "no alla retorica della paura"

Iniziativa voluta dalla ministra Teresa Bellanova in collaborazione con tutte le Organizzazione di settore e della filiera dei mercati con ItalMercati

Redazione ANSA

ROMA - Un pranzo sociale è stato allestito oggi al ministero delle Politiche agricole promosso da AssoIttica, preparato dalle cuoche e dai cuochi dell'Istituto Alberghiero di Tor Carbone, con la collaborazione di tutte le Organizzazione di settore e della filiera dei mercati, con ItalMercati, tra l'altro presenti

L'Italia fa bene' è un'iniziativa fortemente voluta dalla ministra Teresa Bellanova per dire con forza: "no alla retorica della paura" e sottolineare che "i nostri prodotti fanno bene, sono sicuri, possono e devono essere consumati in tutta tranquillità dovunque, in Italia, in Europa, nel mondo". 

"Oggi rimarchiamo un messaggio semplice e chiarissimo: mangiare italiano fa bene", ha detto Bellanova, "i nostri prodotti dalla terra e dal mare alla tavola sono eccellenti e sani e i consumatori, italiani ed europei possono e devono consumarli in tutta tranquillità. Siamo il Paese che vanta per qualità e quantità un sistema di controlli sugli alimenti tra i migliori al mondo, che fa scuola dovunque". Secondo la ministra "non è accettabile che alcune catene di distribuzione in paesi europei, stiano creando ostacoli ai nostri prodotti: si chiama concorrenza sleale e noi non la permetteremo. L'Europa, oltre a indicare l'opportunità di una medesima profilassi negli Stati membri, impedisca in tutti i modi che questo possa accadere".




Bellanova ha invitato tutti i protagonisti dell'agroalimentare italiano a rilanciare sui canali social immagini e video dei loro prodotti utilizzando l'#litaliafabene: "L'Italia fa bene e invito chi ogni giorno mette competenze, professionalità e passione per fornire buon cibo e buon vino, a far conoscere le tecniche di produzione e la qualità dei nostri prodotti. Inviateci le immagini di quello che state realizzando anche in queste ore. L'Italia fa bene e dobbiamo farlo conoscere ai consumatori italiani e ai consumatori mondiali. Perché l'Italia deve continuare ad essere una grande potenza dell'agroalimentare".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie