Coronavirus, dalle agenzie alimentari dell'Onu sostegno alla Cina

Vertici FAO, IFAD e WFP inviano lettera congiunta al Presidente Xi Jinping

Redazione ANSA ROMA

ROMA - Solidarietà e sostegno nella lotta contro l'epidemia del nuovo coronavirus arriva alla Cina dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura (FAO), il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) e il Programma Alimentare Mondiale (WFP). In una lettera congiunta inviata al Presidente Xi Jinping, i vertici delle tre agenzie - il direttore generale della FAO QU Dongyu, il presidente dell'IFAD Gilbert Houngbo e il direttore Esecutivo del WFP David Beasley - hanno reso omaggio alla resilienza del popolo cinese, elogiando gli sforzi compiuti dal paese per affrontare l'emergenza e si sono impegnate a fornire sostegno, in base ai rispettivi ambiti di competenza, agli sforzi della Cina per alleviare le conseguenze del virus sulla popolazione, in particolare nelle aree rurali. La FAO, si legge in una nota, sta lavorando a stretto contatto con l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l'Organizzazione Mondiale della Sanità animale (OIE) e l'Agenzia internazionale per l'energia atomica (IAEA) tramite la Divisione congiunta FAO/IAEA per aiutare gli Stati membri e le comunità di ricerca a identificare gli animali potenzialmente ospiti del virus. In particolare, l'organizzazione ha attivato un gruppo di coordinamento degli incidenti che riunisce specialisti mondiali, regionali e nazionali per valutare la situazione e garantire sensibilizzazione e attività coordinate. Sta, inoltre, lavorando per garantire la disponibilità di tutti i laboratori veterinari nazionali a rilevare rapidamente il nuovo virus negli animali e nei prodotti di origine animale destinati al consumo umano.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie