Dpcm: chef Cerea, le nostre aziende cosi' non reggono

Lo chef 3 stelle, intanto assembramenti sulle piste

Redazione ANSA

MILANO - Sconcerto e preoccupazione, rabbia per l'incertezza continua di un momento di difficolta' che pare non terminare mai. Questo lo stato d'animo dopo la firma del Dpcm di Chicco Cerea, tre stelle Michelin con Da Vittorio a Brusaporto, condotto col fratello Bobo, e che ha visto assegnare la seconda stella anche al loro ristorante a Shangai.

"Sono frastornato di fronte a questo stillicidio continuo - afferma Chicco Cerea - in questo modo le aziende non possono reggere. Siamo, privi di fiducia, in attesa di vedere se il Governo interverra' a supporto del settore. Chi ha la nostra dimensione aziendale, deve reggere costi elevati, prendersi carico di duecento dipendenti, capire come non interrompere l'attivita' "

"Mi ha fatto male vedere assembramenti per andare a sciare, mentre pare non ci sia alcuna volonta' di valutare davvero come funziona la ristorazione - aggiunge Cerea -, dove controlli e regole sono applicate quotidianamente e piu' volte al giorno. Come gruppo Da Vittorio apriremo solo a pranzo e ripartiremo con il delivery, che resta, e voglio essere chiaro, una sorta di palliativo".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie