Boom consumi pasta integrale, la sceglie 1 italiano su 2

Nell'ultimo anno +20% vendite semola integrale, kamut e al farro

Redazione ANSA ROMA

Cresce l'interesse per la pasta integrale: secondo una ricerca Doxa-Aidepi, il 53% degli italiani la sceglie per il suo gusto e perché fa bene alla salute, grazie al contenuto in fibre e sali minerali e al ridotto indice glicemico.

Il trend salutista degli italiani coinvolge in particolare, secondo la ricerca "Gli italiani e la pasta" realizzata da Doxa per l'Associazione delle Industrie del Dolce e della Pasta Italiane, le ragazze under 24 del Nord d'Italia. Tra le referenze a scaffale, nell'ultimo anno la pasta integrale ha mostrato, assieme alla pasta di kamut e a quella di farro, tassi di crescita vicini al 20%, ma nei volumi è ancora marginale rispetto alla pasta di semola tradizionale, che rappresenta circa il 90% del mercato (dati IRI 2017).

In Italia si fa pasta integrale da 50 anni. La sua produzione è regolata dalla "legge di purezza sulla pasta", normativa varata nel 1967. Nel suo impasto c'è acqua e semola integrale di grano duro, prodotto che si ottiene dalla macinazione del grano duro liberato da sostanze estranee e impurità ma "lasciando" la parte esterna del chicco, o crusca. Il che da' alla pasta integrale il colore più scuro, un sapore diverso e, dal punto di vista nutrizionale, meno calorie e più fibre, in media circa 8 grammi (contro 2,5 gr) ogni 100 di prodotto.

"La crescita della pasta integrale - conclude Paolo Barilla, Presidente di Aidepi - è la prova che nel mondo della pasta c'è posto per tutti e ormai il consumatore ha la possibilità di scegliere. Quella integrale è la risposta del settore alle ultime linee guida nutrizionali, che evidenziano l'importanza di integrare più fibre nella nostra alimentazione. La pasta integrale può dare il suo contributo con tutto il gusto di un piatto sempre gratificante e mai privativo".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie