Covid: 57.715 positivi, 349 le vittime. Tasso positività al 12%

Agenas, occupazione intensive al 16%, Umbria balza al 13%

Redazione ANSA ROMA

Sono 57.715 i nuovi contagi da Covid nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 104.065. Le vittime sono invece 349, mentre ieri erano state 235.

Sono 478.314 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 818.169. Il tasso di positività è al 12%, in calo rispetto al 12,7% di ieri. Sono invece 1.584 le terapie intensive, 9 in meno di ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 112. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 19.913, ovvero 296 in più rispetto a ieri.

Resta al 16% la percentuale di terapie intensive occupate dai pazienti Covid
in Italia,sono diverse le variazioni giornaliere nelle regioni. In Umbria, con +4%, raggiunge il 13% e crescono anche Emilia Romagna (17%), FVG (25%), PA Trento (28%), Piemonte (20%). Scendono Basilicata (6%), Calabria (15%), Liguria (16%), PA Bolzano (10%), Marche (23%). E' stabile in Abruzzo (20%), Campania (11%), Lazio (22%), Lombardia (14%), Molise (8%), Puglia (12%), Sicilia (17%), Toscana (19%), Umbria (8%), Sardegna (17%), Val d'Aosta (21%), Veneto(16%). Questi i dati Agenas del 30 gennaio.Sono oltre il 20%: Trento, Piemonte, FVG, Lazio, Marche, VdA. 

Resta al 30%, in Italia, la percentuale di posti occupati da pazienti Covid nei reparti di area non critica, ma in Friuli Venezia Giulia, con +3%, arriva al 40%, e, in 24 ore, cresce anche in Liguria (39%), PA Bolzano (22%), PA Trento(28%), Umbria(31%). Cala in Molise (con -3% torna al 20%), Sicilia(38%), Toscana(26%), Val d'Aosta (con-4% torna a 41%). E'stabile in Abruzzo(31%), Basilicata(27%), Calabria (36%), Campania(31%), Emilia Romagna(29%), Lazio(33%), Lombardia(29%), Marche(30%), Piemonte(31%), Puglia (25%), Sardegna (23%),Veneto(25%). Questi i dati del monitoraggio quotidiano Agenas aggiornati al 30 gennaio.

La Food and Drug Administration (Fda) ha approvato definitivamente il vaccino anti Covid di Moderna, facendolo diventare così il secondo vaccino pienamente autorizzato negli Usa, dopo quello di Pfizer. Lo riferiscono i media Usa.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA