Test sierologici, contattato un terzo del campione

Pari a 54.000 cittadini, 9.000 i rifiuti temporanei

Redazione ANSA

Contattato oltre un terzo del campione di 150.000 cittadini coinvolti nella campagna nazionale dei test sierologici. Le persone contattate, si apprende dalla Croce Rossa italiana, sono 54.000 e 18.000 sono gli appuntamenti per il prelievo già fissati. Sono invece 27.000 gli appuntamenti in corso di organizzazione. Ci sono stati, secondo gli ultimi dati, 9.000 rifiuti temporanei da parte di cittadini che saranno però ricontattati.

"Siamo in condizioni di fare fino a 90mila tamponi al giorno". Lo ha detto il commissario per l'emergenza Domenico Arcuri al Tg3 sottolineando che in queste ore si è chiusa la richiesta di offerta per i test diagnostici per il coronavirus. "Abbiamo ragionato con le Regioni - ha aggiunto - la media all'inizio dell'emergenza era meno di 40mila e siamo arrivati a questo risultato con la collaborazione di tutti. Ora ci sono in maniera sufficiente i tamponi e i reagenti per l'estrazione e l'amplificazione".

E sono 71 le vittime del coronavirus nelle ultime 24 ore in Italia, in aumento rispetto alle 55 di ieri. In Lombardia nell'ultima giornata se ne sono registrate 29, in aumento rispetto alle 12 di ieri. I morti salgono così a 33.601.

Stabile l'aumento dei contagiati: sono complessivamente 233.836, con un incremento rispetto a ieri di 321 casi. Ieri si era registrato un aumento di 318. Il dato comprende attualmente positivi, vittime e guariti. In Lombardia sono 237 in più, in aumento rispetto a ieri quando erano 187, pari al 73,8% dell'aumento odierno in Italia. Oltre alla provincia di Bolzano, ci sono 8 Regioni a zero nuovi contagi: Sicilia, Friuli Venezia Giulia, Umbria, Sardegna, Valle d'Aosta, Calabria, Molise e Basilicata.

Sono saliti a 160.938 i guariti e i dimessi, con un incremento rispetto a ieri di 846. Martedì l'aumento era stato di 1.737. Il dato è stato reso noto dalla Protezione Civile.

Sono 39.297 i malati, 596 meno di ieri, quando il calo era stato di 1.474. E sono 353 i pazienti ricoverati in terapia intensiva in Italia, 55 meno di ieri. Di questi, 131 sono in Lombardia, 35 meno di ieri. I malati ricoverati con sintomi sono invece 5.742, con un calo di 174 rispetto a ieri, mentre quelli in isolamento domiciliare sono 33.202, con un calo di 367 rispetto a ieri.

Per la prima volta dall'inizio dell'emergenza è salito a 12 il numero delle Regioni che nelle ultime 24 ore non hanno registrato vittime per il coronavirus. Dai dati della Protezione Civile emerge infatti che non ci sono morti in Veneto, Marche, Campania, Trentino Alto Adige, Sicilia, Friuli Venezia Giulia, Umbria, Sardegna, Valle d'Aosta, Calabria, Molise e Basilicata.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA