Dalla birra di pane vecchio alla non-plastica, i premi Geco

Annunciati i campioni di sostenibilità della fiera virtuale 3D

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 02 FEB - La prima birra italiana realizzata recuperando il pane invenduto per contrastare lo spreco alimentare, Biova Beer; la non-plastica ottenuta dal riciclo di imballaggi poliaccoppiati come i cartoni del latte, EcoAllene di Ecoplasteam; e la Cassetta di Cottura Filo&Fibra per valorizzare tradizione artigianale di un piccolo borgo a rischio spopolamento, che consente di cuocere i cibi a bassa temperatura grazie alla lana.

Sono questi i progetti imprenditoriali green che si sono aggiudicati rispettivamente il primo, secondo e terzo posto allo Smart Talk Video Contest di Geco, la prima fiera italiana virtuale in 3D dedicata a energia, turismo e mobilità sostenibili.

L'obiettivo del Contest, che alla sua prima edizione ha visto oltre 50 candidature, era quello di promuovere idee e progetti legati alla buona e costante pratica della sostenibilità e della biodiversità, in tutte le sue declinazioni, anche nei piccoli gesti e nelle scelte quotidiane. Menzione speciale Geco per il progetto Blu Eco Line - River Cleaner - barriera flottante che raccoglie plastiche e microplastiche dai fiumi sfruttando l'intelligenza artificiale, per contrastare l'inquinamento dei mari - un progetto che ha conquistato il primo posto per il criterio di selezione legato alla sostenibilità.

"Siamo molto soddisfatti, non solo per il numero, ma anche per la qualità dei progetti candidati - ha spiegato l'executive manager e co-founder di Smart Eventi, Daniele Capogna, , che guida l'agenzia che in collaborazione con la piattaforma per eventi virtuali Hypersmarter ha organizzato Geco - a conferma dell'eccellenza e della creatività italiane, anche e soprattutto, in ambito della sostenibilità." (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie