Lavoro: Cgil, 30 licenziati a indotto raffineria Eni Livorno

Filcams, sono addetti della Iss Palumbo verso fine appalto

Redazione ANSA LIVORNO
(ANSA) - LIVORNO, 23 NOV - La Iss Palumbo, azienda che all'interno della raffineria Eni di Livorno si occupa di stoccaggio logistica e movimentazione dei lubrificanti, ha aperto la procedura di licenziamento collettivo per i suoi 30 dipendenti. Il licenziamento diventerà effettivo a partire dal 1 febbraio 2023. Lo riferisce la sigla Filcams-Cgil in una nota.

"La decisione della Iss Palumbo è inaccettabile poichè si tratta di un vero e proprio licenziamento preventivo: il contratto di appalto tra Iss Palumbo e Eni scadrà infatti il 31 gennaio 2023 - afferma il sindacato con Flaviano Bardocci della Filcams di Livorno - All'azienda chiediamo pertanto di fare marcia indietro e di ritirare subito la procedura di licenziamento, in attesa di arrivare al 31 gennaio per capire con certezza quale sarà il futuro dell'appalto. Ad Eni chiediamo invece di far chiarezza proprio sul futuro dell'appalto in questione. A quanto si apprende verrà infatti bandita una nuova gara, ma i dettagli di essa ancora non si conoscono. Ad Eni chiediamo garanzie concrete anche in tema di tutela dei livelli occupazionali e retributivi. Tutti i 30 lavoratori alle dipendenze della ISS Palumbo dovranno infatti essere riassorbiti dall'azienda che vincerà la gara e mantenere lo stesso stipendio". La Filcams-Cgil annuncia di voler vigilare sulla questione, pronta a mettere in campo tutte le azioni necessarie per tutelare i loro diritti e professionalità. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA