Idrogeno verde, accordo cino-saudita per mega impianto

Fra Aramco e InterContinental Energy. Fabbrica nel paese arabo

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 17 NOV - La compagnia petrolifera saudita Aramco ha firmato un accordo con l'azienda di Hong Kong InterContinental Energy per la costruzione di un grande impianto per la produzione di idrogeno verde e ammoniaca, due combustibili a zero emissioni. Lo ha reso noto la stessa Aramco, senza precisare le dimensioni dell'impianto e dove sorgerà. All'accordo partecipa anche il fondo saudita Modern Industrial Investment Holding.

InterContinental Energy sta costruendo due mega-fabbriche di idrogeno e ammoniaca in Australia e una in Oman. Il primo progetto saudita per l'idrogeno, a Neom nel nordovest del paese, comincerà a produrre 240mila tonnellate di gas all'anno nel 2025.

L'Arabia Saudita punta a produrre 2,9 milioni di tonnellate all'anno di idrogeno al 2030 (sia verde che blu) e 4 milioni di tonnellate nel 2035. Il paese arabo si è impegnato ad arrivare a zero emissioni nette di gas al 2060.

L'idrogeno blu è quello prodotto dal metano, con emissioni di gas serra. L'idrogeno verde è quello prodotto dall'acqua, attraverso l'elettrolisi alimentata da energia rinnovabili, senza emissioni. L'ammoniaca (NH3) è la nuova frontiera dei combustibili green. E' più facile da stoccare dell'idrogeno e potrebbe essere usata già fra dieci anni per le navi, nei motori termici o nelle celle a combustibile.

L'inviato Usa per il clima, John Kerry, intervenendo martedì in collegamento da Parigi al convegno Green&Blue di Repubblica, ha parlato di "un progetto saudita per l'idrogeno che potrebbe passare attraverso la Grecia, e l'Italia potrebbe diventare il centro di distribuzione in Europa".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA