Donnarumma (Terna), contro caro bollette servono rinnovabili

"Se avessimo 30% di fossili invece di 65%, avremmo aumenti minori"

Redazione ANSA ROMA

Contro il caro bollette "bisogna fare al più presto la transizione energetica, il passaggio dalle fonti fossili alle fonti rinnovabili. Se noi oggi avessimo il 30% di energia da fonti fossili, invece che il 65%, questi aumenti delle bollette dovuti all'aumento del prezzo del gas li pagheremmo meno". Lo ha detto oggi il ceo di Terna, Stefano Antonio Donnarumma, intervenendo a Genova al congresso dell'Associazione nazionale direttori amministrativi e finanziari (Andaf).

"Per fare la transizione però bisogna autorizzare la realizzazione delle infrastrutture - ha aggiunto Donnarumma -. Noi oggi ci mettiamo 10 anni a fare un nuovo elettrodotto: 7 anni di progettazione e autorizzazioni e 3 di realizzazione. Se potessimo metterci la metà, realizzeremmo collegamenti elettrici con tutti i paesi dell'area del Mediterraneo, e diventeremmo un hub strategico in quest'area. Ma questo è impedito da passaggi burocratici affidati a risorse non incapaci, ma insufficienti".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie