Aziende eolico, a rischio 20mila posti al 2030 in Europa

Anev, semplificare iter autorizzativi

Redazione ANSA ROMA

A rischio gli obiettivi al 2030 per l'energia eolica proposti dai Governi europei nei Piani Nazionali Energia e Clima (Pniec), con 20mila posti di lavoro in pericolo. L'allarme arriva da WindEurope, l'associazione delle industrie europee dell'eolico nel Flagship Report 'Energia del vento e ripresa economica in Europa', secondo cui per rispettare gli obiettivi dovrà essere installata ogni anno una capacità totale di 21 GW di nuovo eolico, dei quali il 43% offshore e il 57% onshore. Tuttavia, l'Anev (Associazione Nazionale Energia dal Vento) osserva che "si farà fatica a raggiungere tale traguardo se i Governi non si impegneranno a semplificare gli iter autorizzativi, non solo per il rinnovamento degli impianti, ma anche per la realizzazione di nuovi parchi eolici". Se ciò non avvenisse, nota l'Anev, "si correrebbe il pericolo di perdere 20.000 posti di lavoro in Europa". In Italia secondo le stime dell'Associazione dell'industria dell'eolico, "grazie alla semplificazione si potrebbero attivare investimenti per oltre 12 miliardi di euro di capitali privati con grande beneficio per l'occupazione e lo sviluppo industriale del nostro Paese. Già oggi in Italia l'eolico crea ogni anno un flusso finanziario di circa 3,5 miliardi di euro fra investimenti diretti e indiretti e conta oltre 27.000 addetti. Inoltre nel 2019 sono stati prodotti 20,06 TWh da eolico che equivalgono al fabbisogno di circa 20 milioni di persone e ad un risparmio di circa 12 Mt di emissioni evitate di CO2 e di 25 milioni di barili di petrolio".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie