Green deal: studio Bruegel, Piemonte e Puglia al top Ue

Per potenzialità di sviluppo delle tecnologie verdi

Redazione ANSA

BRUXELLES - Il Piemonte e la Puglia possono svolgere un ruolo di primo piano nella 'rivoluzione verde' dell'Europa ma a patto che i governi locali sappiano sfruttare il potenziale del territorio. A dirlo è un nuovo studio di Bruegel, il think tank di Bruxelles specializzato in economia, che ha analizzato le condizioni per la crescita dei settori a basse emissioni di CO2 con più potenziale a livello regionale in Europa. In base a questa analisi, le due regioni italiane sono risultate essere nel gruppo ristretto delle aree Ue più promettenti per lo sviluppo delle tecnologie 'verdi'.

Per consentire la decarbonizzazione - sostengono gli studiosi - la politica locale e nazionale dovrebbe mirare a rafforzare gli attuali punti di forza dei territori usando un approccio 'orizzontale' che consiste nel creare attività attorno a un settore preesistente per "farlo sbocciare e dare vita a un intero ecosistema" (anziché il più classico approccio 'verticale', di sostegno finanziario a singoli progetti ancorati al passato industriale). Così il Piemonte potrebbe sfruttare la capacità che già ha nelle filiere dell'elettrico e dei biocarburanti per diventare un centro innovativo di veicoli 'green'.

Allo stesso modo, in Puglia potrebbero fiorire il settore dell'energia solare e quello dell'efficientamento energetico. "Non ha senso aspettarsi e applicare le stesse regole ovunque in Europa. Volendo fare politica industriale, è meglio non costruire torri d'avorio in mezzo al nulla, ma piuttosto realizzare qualcosa correlato a ciò in cui le regioni sono già 'brave' oggi", spiega il ricercatore e co-autore dello studio Georg Zachmann. Secondo i quale i centri industriali locali vanno sviluppati e accresciuti "attorno a ciò che già si ha" sfruttando i massicci effetti dell'aggregazione.

Nello studio, il think tank Ue fa anche riferimento alla Lombardia, che però - pur rappresentando la locomotiva d'Italia - non vanta una specializzazione in nessuna delle tecnologie analizzate "forse a causa del suo successo in molti settori diversi" osserva ancora Zachmann. Fra gli Stati membri, lo studio di Bruegel mostra che anche regioni svedesi, finlandesi e tedesche hanno un buon potenziale nel settore dei veicoli elettrici.

Mentre per quanto riguarda l'efficientamento energetico, ci sono buone possibilità di sviluppo ovunque, compresi Est e Sud Europa. Ma - sottolineano gli studiosi - è soltanto l'inizio. Molti altri settori, tra cui agricoltura, trasporti e metalli, dovranno essere decarbonizzanti per avvicinarsi almeno all'azzeramento netto delle emissioni di gas serra stabilito nell'accordo di Parigi.

Per Zachmann, è importante non tanto dimostrare che una certa tecnologia incontrerà delle difficoltà in una certa regione, quanto identificare le risorse che già si hanno per puntare su quelle. In termini di finanziamento dell'Ue, un'idea interessante per il ricercatore è creare mercati per incentivare le nuove produzioni 'verdi' fra cui l'idrogeno, come è stato fatto in passato con le rinnovabili. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA