Clima: Onu, pandemia non ferma emissioni

Calo 7% nel 2020 avrà impatto marginale su aumento temperature

Redazione ANSA BRUXELLES
(ANSA) - BRUXELLES, 09 DIC - Il rallentamento dell'attività economiche a causa della pandemia nel 2020 si tradurrà in una diminuzione delle emissioni di gas serra del 7% su scala globale, che si traduce in una riduzione di solo 0,01 gradi del riscaldamento entro il 2050. Lo scrive l'Unep nel suo Gap Report, il rapporto annuale che aggiorna il divario tra le emissioni e i livelli che sarebbero coerenti con l'accordo di Parigi di limitare il riscaldamento globale in questo secolo ben al di sotto dei 2 gradi e di raggiungere 1,5 gradi. Il calo del 2020 non inverte la tendenza, avverte il rapporto, l'anno si avvia a diventare il più caldo di sempre e il mondo va verso un aumento della temperatura superiore a 3 gradi nel 2100. In questo contesto un piano per la ripresa a forte connotazione 'verde' potrebbe tagliare le emissioni del 25% rispetto alle previsioni 2030, portandole ai livelli necessari per l'obiettivo dei 2 gradi. Per 1,5 gradi serve fare di più, sottolinea il rapporto che promuove i target di riduzione delle emissioni "netti", come quello che i Capi di Stato Ue discuteranno domani, a patto che si riflettano negli impegni dei paesi e sostenute con un'azione rapida. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA