Genova invasa dai pappagalli, Comune dispone censimento

Parrocchetti e specie 'aliene' sfrattano le taccole dagli alberi

Redazione ANSA GENOVA
(ANSA) - GENOVA, 19 APR - La città di Genova potrebbe essere la metropoli che ospita la più grande colonia di pappagalli - dai parrocchetti dal collare ai più grandi e colorati Amazona aestiva - in tutta Europa. Per poter confermare questo curioso primato, l'assessorato all'Ambiente e Animali del Comune di Genova con la collaborazione del Museo di Storia Naturale 'Doria', il Dipartimento di Scienze della Terra dell'Ambiente e della Vita dell'Università di Genova e Arpal hanno messo a punto un progetto di censimento dei pappagalli. I parrocchetti, livrea verde e addome azzurro, sono la maggioranza e hanno colonizzato interi quartieri genovesi scacciando le taccole da alcune zone e creando veri e propri 'ghetti-dormitorio'. Ma almeno a Genova i parrocchetti non hanno ancora sfrattato dai nidi i pipistrelli, che in Italia sono specie protetta, cosa che invece è successa in Spagna.

"Dobbiamo accertare la reale consistenza della popolazione di pappagalli - ha detto Stefano Ferretti, responsabile del progetto per il Comune di Genova -, cercare di capire come si è evoluta, dove mangia e dove nidifica. Abbiamo segnalazione di stormi di pappagalli da tutta la città: dopo tutto è una specie aliena". Il programma si avvale infatti anche dell'aiuto dei cittadini grazie a un progetto di citizen science: chi li avvista può inviare la segnalazione a un indirizzo di posta elettronica ad hoc. I dati, una volta validati dagli esperti, confluiranno nell'Osservatorio della Biodiversità Ligure - la Libioss, una banca dati regionale gestita dall'Arpal. Il problema vero sarà censirli: "qui entrano in gioco gli studenti dell'università di Genova che si apposteranno, in orari e luoghi precisi, per apprezzarne la quantità. Sarà problematico - ha detto Ferretti - perché sono tantissimi e terribilmente veloci".

(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie