Sit-in animalisti davanti allevamento visoni nel Ravennate

Inziativa di attivisti 'Essere Animali' a San Marco

Redazione ANSA RAVENNA
(ANSA) - RAVENNA, 18 NOV - L'organizzazione 'Essere Animali' ha tenuto un sit-in davanti all'allevamento di visoni di San Marco, frazione alle porte di Ravenna, indicato dagli organizzatori come "uno dei nove allevamenti di animali da pelliccia ancora attivi in Italia". Scopo della manifestazione chiedere l'introduzione di un divieto di produzione di pellicce su tutto il territorio nazionale, obiettivo della campagna 'Visoni liberi'.

Dopo avere lanciato nei giorni scorsi una mobilitazione social diretta al presidente del Consiglio e ai ministri - prosegue la nota degli attivisti - l'organizzazione ha scritto a Regioni e Comuni interessati dalla presenza di allevamenti di visoni per chiedere ordinanze locali al fine di sospendere l'attività delle strutture "a causa di gravi motivi attinenti alla tutela della salute pubblica". In particolare, "il passaggio del coronavirus mutato dai visoni agli esseri umani, documentato in Danimarca, e i casi di visoni infetti rilevati, oltre che in Italia nell'allevamento a Capralba (Cremona), anche in allevamenti in Olanda, Spagna, Stati Uniti, Svezia e Grecia, devono spingere le istituzioni ad adottare interventi urgenti".

Nell'allevamento ravennate "vi sono circa 1.000 visoni nonostante sia una delle strutture più piccole d'Italia".

Durante la manifestazione, gli attivisti si sono tenuti a distanza dalle gabbie degli animali, le cui condizioni sono state monitorate nei giorni scorsi dai carabinieri del Nas e dai servizi veterinari dell'Azienda Usl Romagna i quali hanno rilevato l'assenza di sintomi clinici riferibili a infezione da Sars-Cov2 o di altre patologie respiratorie. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie