Acqua: gestori reti, piano di investimenti da 10 miliardi

Metà in triennio 2022-2024, un migliaio di progetti in cantiere

Redazione ANSA TORINO
(ANSA) - TORINO, 21 SET - I gestori italiani delle reti idriche investiranno circa 10 miliardi di euro, più della metà già nel triennio 22-24. Tre miliardi saranno investiti al sud e nelle isole, 4 al centro e 3 al nord. E' quanto emerso dal paper 'Acqua, investimenti e climate change' realizzato da Utilitalia, la federazione delle imprese idriche, ambientali ed energetiche, presentato a Torino al Festival dell'Acqua, che si è aperto oggi in collaborazione con Smat.

Tra gli investimenti in programma, poco più di 6,5 miliardi di euro sono destinati a interventi nei servizi di adduzione e distribuzione, circa 2,5 miliardi sono ripartiti tra i segmenti di fognatura e depurazione e circa 1 miliardo andrà per interventi negli altri segmenti della filiera tra cui captazione, potabilizzazione e dissalazione. Questo comporterà una maggiore quantità di acqua disponibile, intesa come acqua recuperata o acqua supplementare prodotta, stimata in circa 620 milioni di metri cubi. E sono un migliaio i progetti che i gestori hanno in cantiere: nuovi serbatoi e approvvigionamenti, riutilizzo delle acque reflue, riduzione delle dispersioni e interconnessioni tra acquedotti, ampliamento della rete fognaria e ammodernamento degli impianti di depurazione. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA