Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Msf, 'diventare madri a Gaza è una sfida quotidiana'

'Triplicato il numero di parti all'ospedale emiratino di Rafah'

01 febbraio 2024, 13:25

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

© ANSA/EPA
© ANSA/EPA
(ANSAmed) - ROMA, 01 FEB - A Gaza, è sempre più difficile per le donne partorienti e i loro figli accedere alle cure mediche pre e post-natali. L'ospedale emiratino di maternità è l'unica struttura rimasta nell'area di Rafah per assistere le donne incinte, ma a causa della continua crescita dei bisogni della popolazione e una carenza di risorse, l'ospedale è ora in grado di rispondere solo ai parti più a rischio e urgenti. Medici Senza Frontiere (Msf) è profondamente preoccupata per la crescente mancanza di assistenza ostetrica per le donne a Gaza.

"Con così tante persone sfollate, la situazione a Rafah è spaventosa", dichiara Pascale Coissard, coordinatrice dell'emergenza di Msf a Gaza. "Tutti gli spazi sono sovraffollati, con persone che vivono in tende, scuole e ospedali. L'ospedale emiratino sta attualmente affrontando tre volte il numero di parti che gestiva prima della guerra".

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, sono circa 50.000 le donne incinte a Gaza, e circa 20.000 bambini sono nati dall'inizio della guerra, secondo l'Unicef. A causa della crisi umanitaria in corso - con i servizi sanitari primari inaccessibili e l'impossibilità di raggiungere gli ospedali per mancanza di carburante oltre che la scarsa capacità delle strutture sanitarie ancora funzionanti -, le donne in gravidanza a Gaza non hanno avuto accesso ai controlli medici per mesi.

Molte sono costrette a partorire in tende di plastica o in edifici pubblici. Chi riesce a partorire in un ospedale, spesso ritorna nel proprio rifugio di fortuna qualche ora dopo aver fatto un parto cesareo. Per ridurre il rischio di malattie e mortalità tra le madri e i neonati, Msf supporta l'ospedale emiratino con assistenza post-parto e ha aggiunto 12 nuovi posti letto al reparto arrivando a una capacità totale di 20 letti, consentendo così a più pazienti di ricevere un monitoraggio adeguato dopo il parto. A causa della difficoltà d'accesso ai servizi di salute materno infantile, molte donne incinte non hanno ricevuto nessun tipo di assistenza dall'inizio della guerra e non hanno fatto visite di controllo. (ANSAmed).

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

Ultima ora Mondo

Errore 404 - Pagina non trovata - ANSA.it Msf, 'diventare madri a Gaza è una sfida quotidiana' - Storie dal Mediterraneo - Ansa.it
404

Pagina non trovata

Le cause principali per cui viene visualizzata una pagina di errore 404 sono le seguenti:

  • un URL digitato erroneamente
  • un segnalibro obsoleto
  • un collegamento datato proveniente da un motore di ricerca
  • un link interno interrotto non rilevato dal webmaster.

Se riscontri il problema, ti invitiamo a contattarci per segnalarlo.

Grazie.