Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Petrolio e gas maggior causa di inquinamento nel Nord Africa

Greenpeace, "occorrono azioni immediate dei governi"

02 aprile 2024, 15:26

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

TUNISI - Nel Nord Africa, il settore energetico, in particolare l'industria del petrolio e del gas, è considerata la maggiore causa di emissioni di inquinamento atmosferico (No2, So2 e Cov). Lo si legge nel rapporto 'Major Air Polluters in Africa Unmasked' pubblicato congiuntamente da Greenpeace Mena e Greenpeace Africa, in cui viene evidenziato come le osservazioni satellitari del biossido di zolfo nel Nord Africa identificano i punti caldi dell'inquinamento atmosferico in Egitto, Libia, Marocco e Tunisia.
"Un numero significativo di morti premature si verifica ogni anno a causa dell'esposizione all'inquinamento atmosferico nei Paesi del Nord Africa", si legge. Lo studio ha inoltre rivelato dati scioccanti sui maggiori inquinatori atmosferici del continente e su come gli africani si trovino ad affrontare una crisi di salute pubblica che richiede un'azione immediata da parte dei governi. "La responsabilità dell'aria inquinata grava su coloro che sono meno preparati a gestirla, rivelando un'ingiustizia significativa poiché la crisi non colpisce tutti allo stesso modo". L'inazione ha un impatto negativo sulle vite umane, a tal fine, il rapporto presenta raccomandazioni per affrontare la crisi, sottolineando la necessità di rigorosi standard legali di qualità dell'aria, un migliore monitoraggio, una riduzione della combustione dei rifiuti e investimenti in tecnologie energetiche pulite, in particolare nel settore energetico.
Greenpeace chiede alle autorità di monitorare e segnalare le emissioni di inquinanti atmosferici provenienti da strutture responsabili di un significativo inquinamento atmosferico e di sviluppare registri di rilascio e trasferimento di sostanze inquinanti (Prtr) disponibili al pubblico e verificati in modo indipendente. È inoltre necessario migliorare l'accesso all'energia pulita e rinnovabile con azioni politiche più forti per i bisognosi. Il rapporto raccomanda inoltre di adottare misure urgenti per porre fine alla produzione di petrolio e gas, al flaring e all'uso di combustibili fossili nella produzione di energia, e per raggiungere l'obiettivo di zero emissioni nette entro il 2050.
"E' importante per i vari governi africani, in collaborazione con la comunità internazionale e il nord del mondo, investire in progetti energetici sostenibili e rispettosi del clima eliminando gradualmente le industrie dannose per l'ambiente e ad alte emissioni che hanno impatti negativi sulla salute pubblica e sul clima." "La regione Mena è la nostra casa. Lavoriamo in modo creativo e collaborativo per ridurre gli impatti ambientali, economici e sociali dei disastri climatici e promuovere soluzioni locali e innovative, consentendo alle nostre comunità di prosperare e vivere in armonia con il loro ambiente, sostiene Greenpeace Mena, un'organizzazione senza scopo di lucro, completamente indipendente, politicamente e finanziariamente.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

Ultima ora Mondo

Errore 404 - Pagina non trovata - ANSA.it Petrolio e gas maggior causa di inquinamento nel Nord Africa - Ambiente - Ansa.it
404

Pagina non trovata

Le cause principali per cui viene visualizzata una pagina di errore 404 sono le seguenti:

  • un URL digitato erroneamente
  • un segnalibro obsoleto
  • un collegamento datato proveniente da un motore di ricerca
  • un link interno interrotto non rilevato dal webmaster.

Se riscontri il problema, ti invitiamo a contattarci per segnalarlo.

Grazie.