Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Allarme Tunisia, caos e crisi spingono le partenze

Il pugno duro di Saied rischia di creare un esodo verso l'Italia

10 marzo 2023, 18:21

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

(di Paolo Paluzzi)

TUNISI - Le recenti dichiarazioni del presidente tunisino Kais Saied che ha invocato "misure urgenti" contro l'immigrazione illegale di africani sub-sahariani nel suo Paese, assieme alla grave crisi economica che soffoca la Tunisia, hanno di fatto provocato un boom di partenze verso l'Italia. E' un dato che emerge con chiarezza scorrendo i numeri pubblicati dalla Guardia costiera di Tunisi che ha dato conto, solo nell'ultima notte, di 25 operazioni di migrazione illegale sventate e 1.008 persone soccorse in mare, di cui ben 954 di vari Paesi dell'Africa sub-sahariana. A colpire è la nazionalità di coloro che partono: è evidente che gli irregolari africani non si sentono più al sicuro in Tunisia. Al di là di alcuni video fake messi in rete per denigrare la Tunisia e smascherati in servizi televisivi da Bbc e France 24, il clima nei loro confronti è "sempre più ansiogeno", come ha dichiarato l'Associazione degli studenti e tirocinanti africani in Tunisia (Aesat), ed è tale da spingere molti di essi a chiedere il rimpatrio volontario.

Oltre 1.700 ivoriani sui 7.000 presenti in Tunisia hanno già chiesto di poter tornare nel loro Paese, così come hanno fatto centinaia di maliani e guineani, cui si aggiungeranno presto anche cittadini del Gabon. Non è bastato l'annuncio della presidenza tunisina del 5 marzo scorso dell'introduzione di nuove misure a favore dei migranti stranieri per rasserenare gli animi. Molti africani stranieri anche regolari si sono visti sbattuti fuori di casa e dal loro posto di lavoro (per la maggior parte lavori umili, malpagati e in nero). L'effetto paradossale però è che a rimpatriare volontariamente sono coloro che si trovavano in maniera regolare in Tunisia - studenti, lavoratori - mentre quelli che non hanno un permesso di soggiorno sono costretti a ricorrere ai canali illegali per arrivare in Europa. Un centinaio di essi si sono accampati fuori dalla sede dell'Oim a Tunisi in cerca di vari tipi di assistenza. "Stiamo lavorando il più velocemente possibile per offrire supporto, facendo appello alla calma e al dialogo per garantire soluzioni dignitose e basate sui diritti umani", ha dichiarato l'Oim al riguardo.

La crisi economica che sta vivendo la Tunisia - con l'inflazione al di sopra del 10% e una disoccupazione giovanile altissima -, in un contesto politico difficile dominato dall'iperpresidenzialismo di Saied, spinge letteralmente questi migranti africani a buttarsi tra le braccia di profittatori pronti a tutto per di ottenere facili guadagni. Sempre più frequenti sono le partenze a bordo di imbarcazioni di ferro, costruite alla meno peggio da fabbri improvvisatisi maestri d'ascia. E sempre più frequenti, purtroppo, sono i naufragi, come quello di ieri, costato la vita ad almeno 14 subsahariani al largo di Sfax. Di fronte a questi numeri, e con l'approssimarsi della bella stagione, appare chiaro che le autorità tunisine, senza aiuti supplementari anche economici, non potranno far fronte da sole ad un fenomeno migratorio di tale portata. Questa crisi, testimoniata anche dall'aumento recente dei fermi da parte delle autorità tunisine di irregolari africani sul territorio nazionale, ha permesso comunque al presidente Saied di evidenziare come la Tunisia non sia più solo un Paese di partenza di migranti verso l'Europa ma anche un Paese vittima esso stesso di immigrazione illegale. Le sue parole però lo hanno anche esposto ad accuse di razzismo con conseguenze che potrebbero rivelarsi molto dannose per la Tunisia: la Banca mondiale ad esempio ha annunciato che continuerà a lavorare con Tunisi sui progetti in corso ma vuole sospendere il Country Partnership Framework (Cpf), base per il monitoraggio da parte del consiglio di amministrazione della Bm al fine di valutare e sostenere il Paese nei suoi programmi di aiuto.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

Ultima ora Mondo

Errore 404 - Pagina non trovata - ANSA.it Allarme Tunisia, caos e crisi spingono le partenze - Cronaca - Ansa.it
404

Pagina non trovata

Le cause principali per cui viene visualizzata una pagina di errore 404 sono le seguenti:

  • un URL digitato erroneamente
  • un segnalibro obsoleto
  • un collegamento datato proveniente da un motore di ricerca
  • un link interno interrotto non rilevato dal webmaster.

Se riscontri il problema, ti invitiamo a contattarci per segnalarlo.

Grazie.