Usa, a Woods la medaglia della libertà

Il presidente: simbolo eccellenza Usa. Lui:ho lottato e ho vinto

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 7 MAG - Tiger Woods dal gotha del golf mondiale al gotha degli americani eccellenti e famosi nel mondo: Donald Trump, nel giardino delle Rose della Casa Bianca, ha consegnato alla leggenda del green la medaglia presidenziale della libertà, la più alta onorificenza civile negli Stati Uniti, in passata conferita a campioni dello sport come Ali o a americani simbolo come Neil Armstrong, il primo uomo sulla luna.
    "Sei uno dei più grandi atleti - l'incoronazione del presidente Usa - della storia dello sport. Un simbolo globale dell'eccellenza americana. Tu sei una grande persona, un ottimo ragazzo, una leggenda. Hai combattuto il dolore riconquistando la vetta del golf, come te non c'è nessuno". Con queste parole Trump ha sottolineato le imprese del fuoriclasse americano, commosso: "Grazie presidente - le dichiarazioni del californiano - è per me un onore ricevere questo riconoscimento. E' vero, ho lottato e ce l'ho messa davvero tutta per tornare a giocare su ottimi livelli. La recente vittoria al Masters Tournament è sicuramente una delle pagine più belle ed emozionanti della mia carriera". Al fianco di Woods, alla Casa Bianca, anche la mamma Kultida, i figli Charlie e Sam, la fidanzata Erica Herman e il caddie Joe LaCava. Woods è il quarto golfista della storia a ricevere a Presidential Medal of Freedom. Prima di lui c'erano riusciti solamente Arnold Palmer, Jack Nicklaus e Charlie Sifford. Una figura importantissima per Woods che, nel 2005, lo ha paragonato "al nonno che non ho mai avuto". E proprio a Sifford "Big Cat" ieri ha voluto dedicare un pensiero. "Ricevere questo riconoscimento dopo Charlie - ha sottolineato Woods - è davvero speciale". Il quarantatreenne di Cypress è il primo giocatore in attività a mettersi al collo la medaglia presidenziale della libertà. Destinata in passato ad altri campionissimi dello sport come Muhammad Ali, Michael Jordan, Jackie Robinson, Jesse Owens, Babe Ruth, Joe DiMaggio, Ted Williams, Roberto Clemente, Arthur Ashe, Billie Jean King e Pat Summitt. O a personalità come Rosa Park, Jesse Jackson, Frank Sinatra, Duke Ellington, Bob Dylan, Areta Franklin, Neil Armstrong, Walter Cronkite.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: