Ideata una dieta che potrebbe ridurre la crescita dei tumori

Povera di un amminoacido, potenzierebbe le terapie

Redazione ANSA ROMA

Riducendo l'apporto di una molecola che assorbiamo con l'alimentazione - l'amminoacido metionina - si potrebbe ridurre la crescita tumorale e rendere più efficaci certi trattamenti chemioterapici (ad esempio il fluorouracile) e radioterapici.
    Lo rivela uno studio sui topi pubblicato sulla rivista Nature. Condotto da Jason Locasale della Duke University School of Medicine, di Durham, lo studio suggerisce quindi una 'dieta antitumore' che favorisce l'efficacia delle terapie.

La metionina è un amminoacido essenziale presente in cibi come il petto di pollo o di tacchino, i semi di sesamo, il grana, alcuni pesci come lo stoccafisso. Il nostro corpo non può produrlo da sé, ma deve assumerlo attraverso l'alimentazione.
    Gli esperti sono partiti dalla conoscenza che la metionina è un aminoacido in qualche modo coinvolto nei processi tumorali, anche se tali meccanismi non sono a ncora chiari  Così hanno pensato che riducendo l'apporto di metionina nella dieta si potesse frenare la crescita del tumore. E così è stato: in diversi modelli di tumore in topolini gli esperti sono riusciti a ridurre la crescita del cancro riducendo dell'83% la metionina nella loro dieta e ancora di più accoppiando questa dieta povera di metionina a chemioterapia con fluorouracil e radioterapia.

Infine gli esperti hanno dato per tre settimane la stessa dieta povera di metionina a sei individui sani e visto che questa alimentazione induce nell'uomo le stesse reazioni metaboliche viste nei topi, quindi l'ipotesi - che resta naturalmente da verificare - è che questa dieta possa potenziare anche nell'uomo gli effetti delle terapie antitumorali.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA