Una macchina trita plastica per salvare gli oceani

Produce filamenti per computer e corda per tessitura

Redazione ANSA SYDNEY

SYDNEY - Una macchina trita plastica che la frammenta trasformandola in oggetti utili come filamenti per computer, forti corde sintetiche e materiale da tessitura. A crearla la scienziata ambientale Louise Hardman di Coffs Harbour a nord di Sydney, fondatrice della Plastic Collective che si impegna a respingere la marea dell'inquinamento marino da plastica nella regione dell'Asia-Pacifico. Detta shruder, combinazione dei termini shred e extrude (triturare e estrudere), sta attraendo interesse internazionale di alto livello dopo la sua presentazione in Gran Bretagna in una riunione dell'International Sustainability Unit, di cui è patron il principe Carlo che ha fra i suoi obiettivi la collaborazione fra aziende e ambientalisti per trovare soluzioni all'inquinamento da plastica attraverso la cosiddetta economia circolare.

Dopo la riunione a Londra Hardman ha cominciato a collaborare con grandi organizzazioni come il WWF e la stessa Coca Cola che si è impegnata a fare da sponsor. "Vi sono circa 4000 isole di basso reddito su cui ci vogliamo concentrare nella regione dell'Asia-Pacifico e da cui si origina il 60% della plastica del mondo che finisce in oceano, e che a causa della loro economia non hanno quasi alcuna struttura di raccolta di rifiuti", ha detto Hardman all'emittente nazionale Abc. Le prime macchine, che sono in grado di sminuzzare 5 chili di plastica all'ora, entreranno in azione nella nota spiaggia turistica Airlie Beach in Queensland, porta d'accesso alle turistiche isole Whitsunday, in collaborazione con l'ente ambientalista Ecobarge Clean Seas.

La prossima opportunità sarà a Bali e poi a Vanuatu, ma i piani futuri sono ancora più ambiziosi e prevedono la fabbricazione di decine di migliaia di shruder. La macchina è disegnata per essere facilmente trasportata in comunità che soffrono dell'impatto dell'inquinamento da plastica, anche le più remote. La variopinta fibra prodotta sarà adatta per la tessitura tradizionale di tappetini e ceste, in alternativa alle foglie piatte di pandano. Parte dell'addestramento su come usare le macchine comporta la visita nelle comunità per accertare quali sono le esigenze locali e le soluzioni di maggior beneficio, ha osservato la responsabile dell'invenzione. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA