Nel 2016 oltre 67mila tonnellate di rifiuti 'tech' in Italia

Gestiti dal consorzio Remedia, 'anno da record'

Redazione ANSA ROMA

Nel 2016 sono state oltre 67 mila le tonnellate di rifiuti tecnologici raccolte in Italia e gestite da Remedia, tra i principali sistemi collettivi italiani no-profit per la gestione eco-sostenibile dei Raee, i Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche. Un anno "da record", sottolinea il consorzio, segnato da un aumento del 68% rispetto al 2015. Al top per la raccolta di Raee domestici Lombardia, Campania e Veneto.

Secondo il bilancio di Remedia, i Raee domestici - quelli generati dai nuclei familiari - rappresentano il grosso della raccolta, ammontando complessivamente a poco più di 58 mila tonnellate (+75%). A questi si aggiungono i Raee professionali, prodotti da aziende ed enti pubblici, pari a 5.556 tonnellate e oltre 3.450 tonnellate di pile e accumulatori industriali e per veicoli.

Tra le varie categorie di rifiuti è raddoppiata la raccolta di tv e monitor (con 27.215 tonnellate a fronte delle 13.527 del 2015). Cresciuto anche il raggruppamento delle apparecchiature refrigeranti, dai frigoriferi ai condizionatori, con 16.161 tonnellate raccolte (+54% in un anno). Numeri più contenuti per i dispositivi di elettronica di consumo, informatica e piccoli elettrodomestici e dei "grandi bianchi", ovvero lavatrici, lavastoviglie, forni a microonde e cucine economiche, rispettivamente con 9.201 (+46%) e 5.590 (quasi +92%) tonnellate. In coda, ma sempre in aumento, le sorgenti luminose (neon, lampade) con 52 tonnellate (+9%).

La Lombardia si conferma la più virtuosa: nella regione sono state raccolte oltre 10 mila tonnellate di Raee domestici, il 59% in più rispetto al 2015, pari a circa il 18% del totale. Al secondo posto ancora la Campania, con 6.287 tonnellate (11%), seguita dal Veneto, che ha raggiunto una quota totale di 5.089 tonnellate (quasi il 9% del totale).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA