Foreste, 30% in Italia e 23% in Ue sono in aree protette

Aea: sfide sono degrado, specie invasive, clima e inquinamento

Redazione ANSA BRUXELLES
(ANSA) - BRUXELLES, 21 MAR - Il 30% delle foreste italiane fa parte della rete di aree protette comunitaria di Natura 2000, un dato al di sopra della media Ue che si ferma a quota 23%. Nel complesso però i polmoni verdi europei non godono di buona salute, visto che solo un quarto delle specie e il 15% degli habitat di interesse europeo, fra 2007 e 2012, erano in uno 'stato di conservazione favorevole'. Questo il quadro fornito dall'ultimo rapporto dell'Agenzia europea dell'ambiente (Aea) in occasione della Giornata internazionale delle foreste, secondo cui le principali sfide da affrontare per tutelare il capitale naturale delle foreste oggi sono la perdita e il degrado dell'habitat, la minaccia delle specie 'aliene' invasive, inquinamento e cambiamenti climatici.

Queste sfide, "combinate con attività economiche come la produzione di legname, espansione delle città o il maggiore uso delle foreste per attività ricreative, rendono le foreste più vulnerabili al degrado" afferma l'agenzia Ue. Dal 1990 i boschi europei hanno aumentato la propria area del 10% e in Italia la copertura di territorio da parte delle foreste risulta di circa il 30%, leggermente al di sotto della media europea e piazzandosi al 21/o posto sui 38 Paesi elencati del Vecchio Continente. In Europa il record delle superfici coperte da foreste tocca alla Svezia, con 28 milioni di ettari, che insieme ad altri cinque Paesi conta il 70% dei polmoni verdi del Vecchio Continente: Finlandia (22 milioni ettari), Spagna (18 milioni ettari), Francia (17 milioni di ettari), Norvegia e Turchia (entrambe 12 milioni di ettari). (ANSA)
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA