Ue, Italia è il Paese con più aree a rischio per lo smog

Agenzia europea, diseguaglianze aumentano impatto inquinamento

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES - Inquinamento e condizioni socio-economiche fanno dell'Italia il Paese dell'Ue col più alto numero di aree a rischio a causa dello smog e ondate di calore in Europa. Emerge dal primo rapporto dell'Agenzia dell'Ue per l'ambiente (Eea) che mette in relazione indicatori sulla salute, ambientali e socio-demografici. Lo studio sottolinea che le diseguaglianze economiche e sociali aumentano l'impatto di inquinamento atmosferico e acustico e delle temperature estreme, con i paesi del Sud e dell'Est Europa più vulnerabili. Il rapporto dell'Agenzia Ue rileva che i rischi maggiori per la salute da inquinamento e cambiamenti climatici si registrano in aree dove i redditi e il livello di istruzione sono inferiori alla media europea, e superiori sono i tassi di disoccupazione a lungo termine e di anzianità della popolazione. Tra le città con i più alti livelli di disoccupazione e la più alta esposizione al particolato Pm10 sono citate Torino, Stara Zagora (Bulgaria) e Nicosia (Cipro).

L'Italia è uno dei tre paesi Ue (gli altri sono Grecia e Slovacchia) che presenta più territori in cui i rischi ambientali si sovrappongono fattori sociali. Nella Penisola si trova il maggior numero di aree in Europa esposte a tre tipi di inquinamento atmosferico - da particolato, biossido di azoto e ozono - e alle ondate di calore, con la presenza simultanea dei problemi di smog tipici delle aree urbane con reddito pro-capite inferiore alla media europea (Pm10 e ozono) e quelli delle regioni sviluppate (biossido di azoto). Le variabili socio-economiche incidono, infine, anche sulla capacità di gestire fenomeni meteo estremi: l'invecchiamento amplia le fasce vulnerabili della popolazione, la disponibilità di reddito è determinante, per esempio, per isolare termicamente il luogo dove si abita e un basso livello di istruzione può ridurre la consapevolezza sui comportamenti da adottare in caso di picchi di calore.

Entra nel vivo domani il lavoro del tavolo sulla qualità dell'aria presso il ministero dell'Ambiente, che ha raccolto negli scorsi mesi le proposte delle regioni della Bacino Padano, la zona d'Italia più colpita dall'emergenza smog. Lo rende noto il dicastero. "Ricordiamo - dice il ministro dell'Ambiente, Sergio Costa - che siamo in una vera e propria emergenza ambientale e sanitaria: 90 mila morti premature all'anno dovute allo smog. E' inaccettabile. Per questo al tavolo parteciperà anche il ministero della Salute, perché i due dicasteri devono lavorare insieme per trovare soluzioni condivide ed efficaci". Proprio oggi, si legge nella nota, "sono stati diffusi i dati dell'Agenzia europea dell'Ambiente, e l'Italia ha la maglia nera per lo smog, più evidente laddove ci sono fasce disagiate della popolazione. "Come governo abbiamo già predisposto delle misure per poter cambiare il paradigma ambientale ed economico del Paese - rammenta il ministro -. Dalle misure in Bilancio per la mobilità elettrica, ad iniziative promosse proprio dal ministero dell'Ambiente: stanziamenti per la mobilità elettrica nei parchi, fondi per le aree verdi nelle strutture sanitarie e l'ampliamento del fondo Kyoto per l'efficientamento energetico delle strutture pubbliche come scuole, palestre e ospedali". Il ministero dell'Ambiente poi ha stipulato due protocolli operativi sulla qualità dell'aria con la regione Lazio e Umbria, per le aree maggiormente colpite dall'inquinamento atmosferico: area metropolitana di Roma e Valle del Sacco per il Lazio e la zona di Terni per l'Umbria, stanziando fondi e predisponendo misure per realizzare una mobilità sostenibile e ridurre il traffico veicolare.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA